Aleteia logoAleteia logoAleteia
mercoledì 21 Febbraio |
Aleteia logo
Chiesa
separateurCreated with Sketch.

Dopo Amatrice, Papa Francesco va ad abbracciare i terremotati anche a Camerino

Pope Francis, Amatrice, earthquake,

© OSSERVATORE ROMANO / AFP

Papa Francesco nel 2016 ad Amatrice

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 09/04/19

Il Papa ha voluto fortemente questa visita nelle Marche per il prossimo 16 giugno. Ecco il programma: si recherà nelle casette d'emergenza dove vivono gli sfollati

Nel 2016 la visita nei comuni di Umbria e Marche, distrutti dalla furia del sisma: Amatrice, Accumuli, Arquata del Tronto, Norcia.

Tre anni dopo, precisamente il 16 giugno prossimo, Papa Francesco tornerà in visita alle zone terremotate del centro Italia, ma questa volta farà tappa nella diocesi di Camerino-San Severino Marche.

Francesco si recherà anche dalle famiglie che vivono nelle strutture abitative emergenziali, in località Cortine di Camerino, e incontrerà i sindaci dei comuni della diocesi marchigiana.

Il programma

La partenza in elicottero dall’eliporto del Vaticano avverrà alle ore 8; dopo 45 minuti Francesco atterrerà al Centro sportivo dell’Università di Cameri­no, in Località Calvie, dove sarà accolto dall’arcivescovo monsignor Francesco Massara. Insieme al presule anche il presidente della Regione Marche Luca Ceriscioli; il prefetto di Macerata Iolanda Rolli; il presidente della Provincia di Macerata, Antonio Pettinari; il sindaco di Camerino Gianluca Pasqui e Claudio Pettinari, rettore dell’Università locale.

Alle 9 avrà inizio la visita del Pontefice alle Strutture Abitative Emergenziali (SAE) con le famiglie che vi abitano, in Località Cortine. Seguirà la visita in Cattedrale e l’incontro con i sindaci dei Comuni della diocesi.

In Piazza Cavour, alle 10, la celebrazione della Santa Messa e alle 12 la recita dell’Angelus. Il Papa pranzerà poi, alle 13, con i sa­cerdoti della diocesi presso il Centro di Comunità San Paolo.

Alle 15, prima di decollare dal Centro sportivo dell’Università di Camerino, Francesco saluterà le personalità che lo hanno accolto all’arrivo. Alle ore 15 e 45 è previsto il rientro in Vaticano.




Leggi anche:
Attenti alla bufala della donazione di Papa Francesco ai terremotati

La lettera agli aquilani

Bergoglio, a dieci anni dal sisma che ha colpito l’Aquila, ha scritto una lettera agli aquilani nella quale spiega di essere loro vicino nel «faticoso cammino di ricostruzione». Nella missiva, il Papa auspica che ci sia una ricostruzione «rapida» e «condivisa».

«Cari aquilani, – scrive Francesco – il vostro arcivescovo, cardinale Petrocchi, mi ha portato i vostri cordiali saluti, che ricambio sentitamente. In questi giorni ricorre il decimo anniversario del sisma che ha devastato la vostra città e il territorio che la circonda, seminando distruzione e morte. Prego per tutte le vittime di quella tragedia e per le loro famiglie».

“Vi affido alla Madonna”

Il Papa assicura che accompagna, «con viva partecipazione, il faticoso cammino che vi impegna a ricostruire – bene, rapidamente e in maniera condivisa – gli edifici pubblici e privati, come anche le chiese e le strutture aggregative. Il Signore Risorto doni a tutti e a ciascuno la luce e la forza per rendere sempre più coesa e creativa la vostra comunità ecclesiale e sociale, facendovi, così, coraggiosi testimoni di operosa legalità, di fattiva sinergia e di fraterna solidarietà. Chiedo alla Vergine di accompagnarvi e vi benedico tutti con affetto. E anche voi, per favore, pregate per me».




Leggi anche:
Il Papa tra i terremotati: “Sono venuto solo adesso. Prima non volevo dare fastidio”

Tags:
papa francescoterremotativisita pastorale
Top 10
See More