Aleteia logoAleteia logoAleteia
domenica 24 Settembre |
Aleteia logo
Storie
separateurCreated with Sketch.

Francescano rimasto nella Siria devastata dalla guerra muore di coronavirus

Father Edoardo Tamer

Firas Lutfi | Facebook | Fair Use

John Burger - pubblicato il 09/10/20

“La sua missione era stare accanto a chi soffre”, ha affermato il superiore di padre Tamer

Un sacerdote francescano che aveva rifiutato di lasciare i pericoli della Siria al culmine della guerra che insanguina il Paese è morto di Covid-19. Padre Edoardo Tamer aveva 83 anni.

la suite aprés cette publicité

Il New York Times, che ha scritto di varie persone importanti che hanno ceduto alla malattia, riferisce questa settimana che il sacerdote è morto il 12 agosto.

la suite aprés cette publicité

Padre Tamer era un cristiano maronita. Era nato nel 1937 a Sir El Danniyeh, nel nord del Libano, e aveva sentito molto presto la chiamata alla vita religiosa.

la suite aprés cette publicité

“Era convinto di essere stato chiamato da Dio ad essere frate e specificatamente francescano”, ha riferito al Times padre Firas Lutfi, ministro regionale francescano di Siria, Libano e Giordania.

la suite aprés cette publicité

Il giovane Tamer era diventato novizio presso il Convento di Santa Caterina a Betlemme, in Cisgiordania, nel 1956. Nove anni dopo era stato ordinato sacerdote a Gerusalemme. In seguito aveva studiato Teologia presso l’Università di San Giuseppe a Beirut.

la suite aprés cette publicité


CHURCH OF SAINT SIMEON

Leggi anche:
Le chiese “dimenticate” nelle “Città Morte” della Siria

Nei quarant’anni successivi, il francescano ha servito in scuole, università e parrocchie ad Harissa (Libano), Amman (Giordania), Latakia (Siria), Alessandria (Egitto) e Gerico, in Cisgiordania.

la suite aprés cette publicité

Era poi stato assegnato al monastero di Sant’Antonio da Padova ad Aleppo, in Siria, dov’è stato superiore e direttore del centro ricreativo parrocchiale.

la suite aprés cette publicité

Padre Lutfi ha affermato che padre Tamer, che è rimasto vittima dal Covid, amava ascoltare confessioni per dare alle persone “speranza e pace”.

“Era bravo a tradurre testi religiosi dall’italiano in arabo. Ha tradotto in modo notevole un trattato medievale sulla spiritualità di San Bonaventura”.

Nel 2011 è scoppiata la guerra civile in Siria, che ha portato a una campagna di bombardamenti da parte del Governo siriano e dei suoi alleati russi contro i ribelli armati. Interi quartieri di Aleppo sono stati distrutti dalle bombe.

la suite aprés cette publicité

I cristiani della città, che costituiscono una piccola minoranza divisa tra varie correnti, sono emigrati in gran numero durante la guerra.

Padre Tamer ha voluto restare. Amava celebrare la Messa, accogliere i visitatori e le persone che cercavano rifugio dai combattimenti.


GIOVANE LIBANESE ESPLOSIONE BEIRUT

Leggi anche:
Giovane cattolico simbolo della tragedia di Beirut

“Ha detto: ‘Vivrò e morirò qui, se serve’”, ha raccontato padre Lutfi. “Ha deciso di rimanere ad Aleppo in questa situazione molto critica”.

“Ha deciso di rimanere e di portare avanti il suo servizio in Siria nonostante i bombardamenti, la guerra e il Covid”, ha spiegato il superiore. La sua missione era “stare accanto a chi soffre”.

Tags:
coronaviruscovidfrancescanifratesiria
Top 10
See More