Aleteia logoAleteia logoAleteia
venerdì 19 Aprile |
Aleteia logo
Chiesa
separateurCreated with Sketch.

Prima di diventare santi sono stati degli assassini (FOTOGALLERY)

WEB2-Murderous-Saints.jpg

Shutterstock

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 23/03/21

Da Sant'Elia a San Giovanni Capestrano, da Re Davide all'Imperatore Costantino. E nella lista ci sono anche una donna e un papa. Ma perchè questi santi hanno ucciso?

Assassini che poi sono diventati santi. Un ossimoro? Non proprio. Nella storia della Chiesa ci sono diversi casi di uomini (e donne) che sono finiti sugli altari dopo una profonda conversione o un grande pentimento.

Tra i “santi assassini” c’è anche una donna Santa Olga da Kiev, accecata dalla vendetta per la morte del marito, e un Papa, Leone IX. Ma anche imperatori, sovrani, e il “buon ladrone”: Disma, che sulla croce ha chiesto il perdono a Gesù. 

Come si diventa santi dopo aver ucciso

Spiega ad Aleteiadon Ennio Apeciti, responsabile dell’Ufficio per le Cause dei Santi della diocesi di Milano, in riferimento a processi di canonizzazione di “santi assassini”, che «se fino all’ultimo si dice di credere in Dio, se l’atto di fede è così profondo, grande è anche la Misericordia di Dio E nella beatificazione assume un aspetto prioritario proprio l’Amore verso di Dio e una fede esemplare. Il peccato è sempre remissivo, e lo ricorda spesso anche Papa Francesco. Si può aver avuto anche una vita devastata, ma contano, in vista di un processo di beatificazione e canonizzazione, gli ultimi tempi vissuti».

Tags:
omicidioSanti
Top 10
See More