Aleteia logoAleteia logoAleteia
venerdì 03 Febbraio |
Aleteia logo
For Her
separateurCreated with Sketch.

Chrissy Teigen a un anno dall’aborto spontaneo: “bloccata” nel ricordo di quella vita

Martha, Mary and Me - pubblicato il 24/09/21

La moglie di John Legend ha perso il suo terzo figlio per aborto spontaneo un anno fa. Condivide sui social la tristezza di questo anniversario mentre il suo corpo ancora "bloccato" le ricorda ogni giorno che quella era e sarà per sempre una vita. Quello dell'aborto, voluto o no, è un dolore che non va taciuto.

A un anno dall’aborto spontaneo del suo terzo figlio, Chrissy Teigen, moglie di John Legend con cui ha due figli, si guarda allo specchio e cede alla negatività su Instagram, raccontando il viaggio di tante donne che spesso viene archiviato in fretta dietro a quei “ci riproverai” o “non era destino”.

Un anno dopo, stesso dolore

“Quando perdi un bambino prima di metterlo al mondo, il tuo corpo si arresta. Non ha funzioni da assolvere. Nessuno da sfamare. E tu sei sola… bloccata. Bloccata con le tue tette cadenti che si stavano preparando per essere gonfie di latte, una pancia che stava per lievitare… Mentirei se dicessi che tutto questo non ha fatto schifo. Non solo ti senti estremamente, perversamente triste per quello che avrebbe potuto accadere, ma hai anche questo feroce promemoria quotidiano ogni volta che ti guardi allo specchio”.

View this post on Instagram

A post shared by chrissy teigen (@chrissyteigen)

Quello che a me dispiace di più, oltre al dolore di questa donna che mi fa male solo immaginare, è la legittimazione scritta a caratteri cubitali su tutti i giornali che l’aborto fa male solo se spontaneo.

Perdere una vita fa male sempre

Si soffre perché quel bambino lo si voleva, come quando ti toglievano il lecca lecca a cinque anni. Si sta male perché qualcuno c’era e ora non c’è più. E allora va bene stare male e parlarne e piangere. Invece se l’aborto non è solo un caso naturale e sfortunato, se è voluto, cercato, pianificato allora la narrazione cambia. La parola dolore è messa nei titoli di coda. E nemmeno sempre. Al suo posto c’è la scelta, ci sono i diritti, la libertà, il rispetto, il sollievo che, anche quando non sono prese a cuor leggero (e ci mancherebbe, dico io), rendono quell’aborto “diverso“.

Parlare del dolore è una realtà per ogni aborto, spontaneo o voluto

Ma dove sta la differenza? Forse la nostra volontà rende quella vita più vita? Dipende da noi e dal nostro stato d’animo il fatto che quello sia riconosciuto come essere vivente? Perché se fosse così io vi assicuro che avrei potuto commettere omicidi molto più liberatori di colleghi che mi smollano i loro lavori, marito quando lascia le scarpe in salotto, amici che prendono e non ringraziano. Davvero. Per molto meno. Però la vita non dipende da noi.

E la gioia di una nascita, come il dolore di una perdita, ce lo ricordano: quel qualcosa (o qualcuno) c’era e nei nostri cuori, volenti o nolenti, pronti o no, desiderosi o meno, ci resterà per sempre. Alle donne però raccontiamola giusta. Certi vuoti pesano. Ed è giusto dirlo. 

QUI IL LINK AL POST ORIGINALE DI MARTHA, MARY AND ME

Tags:
abortoaborto spontaneo
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!