Aleteia logoAleteia logoAleteia
mercoledì 06 Luglio |
Aleteia logo
For Her
separateurCreated with Sketch.

Mamma smette di fumare e perde 20 kg per donare un rene al figlio

JaaoKun | Shutterstock

Silvia Lucchetti - pubblicato il 12/02/22

Fumava da quarant'anni due pacchetti di sigarette al giorno ma ha smesso per donare un rene a suo figlio. L'intervento è avvenuto proprio nel giorno del compleanno della signora che invece di ricevere un regalo lo ha fatto: gli ha donato la vita una seconda volta!

Oggi vi raccontiamo una bella storia d’amore e sacrificio. Una madre, proprio nel giorno del suo compleanno, ha fatto lei un regalo unico al figlio: gli ha donato un rene restituendogli la vita una seconda volta.

Quando trent’anni fa questa signora ha dato alla luce il suo bambino non credo abbia immaginato che ci sarebbe stato un altro giorno quasi altrettanto importante, dove sempre grazie al suo “sì”, al suo corpo, alla sua carne, avrebbe potuto permettere una nuova esistenza per il figlio.

Da quest’anno saranno due gli avvenimenti speciali da festeggiare in una data sola e chissà quanta gratitudine proveranno madre e figlio nel cuore dopo aver vissuto insieme l’esperienza del trapianto.

Lei 62 anni compatibile e in buona salute, lui in cura per una grave insufficienza renale che lo avrebbe portato alla dialisi.

La donazione di rene da vivente numero 500 per il Policlinico di Milano dove i due sono stati preparati e operati.

500 «(…) di cui 62 a favore di bambini con gravi patologie renali – spiega il direttore generale Ezio Belleri – tra questi gesti di generosità e altruismo ne spiccano due in particolare: due donazioni “samaritane”, in cui il donatore ha volutodedicare uno dei propri reni a un paziente che non conosceva». (Corriere)

Sul sito dell’Ospedale Bambino Gesù di Roma si legge:   

La donazione da vivente è una procedura consolidata che offre ottimi risultati, sia per quanto riguarda il donatore che per il ricevente. In Europa il numero delle donazioni di rene da vivente ha quasi equiparato quelle da cadavere.

(Ibidem)

Ogni persona che gode di una buona salute può diventare donatore per un parente consanguineo o non consanguineo o anche per un estraneo (donatore samaritano). Deve essere un atto gratuito, libero e consapevole. (trapianti.salute.gov.it)

Al Corriere il dottor Ferraresso, primario di Chirurgia generale-Trapianti di rene dell’Irccs, che li ha seguiti ha raccontato:

Per arrivare all’intervento hanno dovuto perdere tra i 15 e i 20 kg di peso; la mamma ha smesso di fumare dopo 40 anni le sue 40 sigarette quotidianeed è arrivata alla donazione in forma ottimale.

(Ibidem)

Quando gli obiettivi sono così importanti mettiamo in campo risorse che non pensiamo neppure di avere.

L’operazione è avvenuta presso il Policlinico di Milano, uno dei pochi ospedaliitaliani a fare questo tipo di intervento – e proprio nel giorno del compleanno della madre:

Un simbolo in più dell’importanza di questo gesto: entrare in dialisi non è un dramma solo per il paziente, ma per chi gli sta accanto. Un gesto come questo è un atto liberatorio: a beneficiarne è tutta la famiglia.

(Corriere)

I due interventi sono andati bene, dopo quattro giorni la signora è stata dimessa, dopo 12 il giovane.

Il trapianto di rene da donatore vivente — spiega il professor Ferraresso — è una procedura ancora poco pubblicizzatae praticata in Italia (…) Perché non c’è ancora una cultura su questo tipo di donazione. Spesso viene vista come ultima scelta dopo lunghi periodi di attesa di un rene da donatore deceduto, anche se i risultati internazionali ci dicono che questa è la prima opzione da prendere in considerazione, specialmente quando ancora la dialisi non è iniziata.

(Ibidem)

Grazie alla donazione della madre il ragazzo ha avuto la fortuna di ricevere un nuovo rene senza dover iniziare la complessa terapia della dialisi:

Il ricevente evita lo stress e il dramma di entrare in dialisi, di mettersi in coda e fare tre volte a settimana 3-4 ore di terapia, di essere dipendente da un ospedale e da una macchina, di non poter più avere una vita libera. Inoltre anni di dialisi debilitano l’organismo: arrivare al trapianto prima significa affrontarlo stando ancora bene. Purtroppo non sempre è praticabile e a volte non basta solo la volontà: ci vuole anche una forte determinazione. 

(Corriere)
Tags:
interventomadresalute
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni