Aleteia logoAleteia logoAleteia
mercoledì 06 Luglio |
Aleteia logo
News
separateurCreated with Sketch.

“Ogni bambino soldato è un grido che sale a Dio”

© DR

Jaime Septién - pubblicato il 14/02/22

Cosa presuppone mettere le armi in mano a un bambino? Quanti bambini soldato ci sono nel pianeta?

Il 12 febbraio si è celebrata la Giornata Internazionale contro l’uso di Bambini Soldato, e in questa data l’ONU ricorda che ogni anno sono sempre di più i bambini reclutati per partecipare – come autentica carne da cannone – non solo ai conflitti armati, ma anche a organizzazioni di delinquenti o di autodifesa, come accade ad esempio nello Stato messicano di Guerrero.

Papa Francesco ha unito la propria voce attraverso l’account Twitter @Pontifex alla campagna #RedHandDay, lanciata dall’ONU ogni 12 febbraio per lottare contro l’uso dei bambini soldato, con una frase che dovrebbe toccare le coscienze di tutto il pianeta: “I bambini soldato sono derubati della loro infanzia, della loro innocenza, del loro futuro, tante volte della loro stessa vita. Ognuno di loro è un grido che sale a Dio e che accusa gli adulti che hanno messo le armi nelle loro piccole mani”.

A volte gli adulti mettono le armi in mano a bambini e adolescenti per difendere le loro comunità dai narcotrafficanti, dai sequestratori o da chi opera nella tratta di esseri umani, che in alcuni Paesi come il Messico tiene letteralmente sotto sequestro molte comunità.

Mettere un’arma in mano a un bambino o a un adolescente è come confiscarne il futuro, la speranza, la voglia di vivere e di lavorare in pace. Significa farlo entrare nella spirale della violenza, sacrificando l’infanzia a interessi che non comprende e non può comprendere.

Anche se è impossibile determinarlo, l’UNICEF calcola che nel mondo ci siano circa 300.000 bambini e bambine soldato.

Il rapporto dell’UNICEF segnala che questi minori sfruttati dalla malvagità umana “partecipano attualmente a gruppi e forze armate con varie funzioni, come combattenti, cuochi, messaggeri, spie o per motivi sessuali”.

L’organismo dell’ONU indica che nel 2020 più di 8.500 bambini “sono stati impiegati in scenari di grande ostilità subendo questi abusi”.

Anche se è certo che i Paesi con il più alto numero di bambini soldato sono Afghanistan, Iraq, Burundi, Costa d’Avorio, Liberia, Repubblica Democratica del Congo, Sud Sudan, Ciad, Repubblica Centroafricana e Somalia, lo è altrettanto il fatto che in luoghi in cui operano gruppi di delinquenti, narcotrafficanti, sequestratori o bande criminali, bambine e bambini sono usati anche come sicari.

  • 1
  • 2
Tags:
bambini soldato
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni