Aleteia logoAleteia logoAleteia
mercoledì 06 Luglio |
Aleteia logo
For Her
separateurCreated with Sketch.

È morto Renzo Belli, l’angelo dei terremotati emiliani

RENZO BELLI

Mirko D'Iorio | Youtube

Annalisa Teggi - pubblicato il 17/02/22

Nel 2012 aveva appena perso un figlio quando ci fu il terremoto, ma allestì in giardino il Campo Paradiso, dove ospitò 110 sfollati. Oggi l'Emilia lo piange, è morto nel reparto di terapia intensiva del Policlinico di Modena.

L’Emilia, e non solo, piange la morte del farmacista Renzo Belli. Si è spento nel reparto di terapia intensiva del Policlinico di Modena pochi giorni fa, aggredito senza scampo dal Covid-19. Per tutti era l’angelo degli sfollati, perché fu capace di un grande gesto di accoglienza durante la serie scosse che colpì l’Emilia nel maggio del 2012. Aveva meritato la medaglia d’oro al valore civile insieme alla moglie dal Presidente Mattarella nel 2017.

La settimana scorsa qualche scossa, distinta ma non fortissima, ha fatto di nuovo tremare le province di Reggio Emilia e Modena, a dieci anni dal terremoto che devastò la zona. A chi fu segnato da un evento così improvviso e catastrofico resta una vertigine sullo sfondo della vita, si sta di guardia come cani nel proprio recinto. Ricordo che, all’epoca, intervistai un padre che dalla finestra di casa vide sbriciolarsi la chiesa di fronte e riuscì a mettere in salvo sé e la famiglia. “Le mutande” – mi disse, e intendeva che quando un terremoto di sbatte fuori di casa resti pure senza il cambio di mutande. Dettaglio solo apparentemente piccolo della vulnerabilità a cui si è esposti.

EMILIA, EARTHQUAKE, 2012

Nel caso del farmacista Renzo Belli la cronaca di quelle settimane del 2012 sono un mistero di dolore che lui e sua moglie hanno ricucito con il filo del bene e dell’accoglienza, con una prontezza che lascia quantomeno attoniti. I fatti, nudi e crudi: il 24 maggio 2012 muore in un incidente stradale Marco, il figlio di Renzo e Carla; dal 20 maggio il modenese comincia a tremare, fino ad arrivare alle scosse imponenti del 29 e 31 maggio che devastano l’Emilia e quei paesi dai nomi rimasti impressi a tutti noi, San Possidonio, Mirandola, San Felice sul Panaro.

Neanche il tempo di piangere e seppellire un figlio e crolla il mondo addosso, verrebbe da dire. Non è stata questa la recriminazione della famiglia Belli. Renzo e sua moglie, a cui già tremava la terra sotto i piedi, hanno reagito all’emergenza ospitando molti sfollati nel giardino di casa, un po’ più di un centinaio. Da un lutto improvviso e da un terremoto è nato il Campo Paradiso.

Io sono il papà di Marco, Marco che ci ha lasciato 15 giorni fa. Comunque vi posso assicurare che da un grande dolore ne è scaturito un gran bene. Sto aiutando il più possibile persone grazie alla vostre donazioni, cerco di dare il massimo che posso a tutti. Qui ci sono giovani, bambini, anziani, di qualsiasi ceto sociale e di qualsiasi tendenza politica. Non ce ne frega niente, facciamo soltanto del bene.

Renzo Belli pronunciava queste parole in video amatoriale nel giugno 2012, ancora in piena emergenza sisma. Raccontava, con viso sorridente, ciò che stava accadendo a casa sua. Il giardino domestico era diventato campo, in molti sensi: campo di accoglienza, ma anche campo di semina di un bene fiorito dal lutto. Prosegue con queste parole:

Ho accolto nel campo di casa mia un centinaio di persone, vengono, si vive tutti in compagnia, siamo tutti fratelli, ci diamo tutti del tu. Ci alziamo la mattina contenti e andiamo a letto contenti, speriamo che il Buon Dio faccia smettere di tremare questa maledetta terra perché non ne possiamo più.

Suo figlio Marco era deceduto da neanche un mese in un incidente stradale, sono eventi che, accadendo all’improvviso, possono far piombare l’anima di un padre e una madre in un dolore disorientato, che non si raccapezza. Colpisce, dunque, che Renzo – solerte nell’accoglienza – ripeta la parola contenti. Parla di sé e di gente che è senza più casa e ha perduto dei cari. Lo spazio di accoglienza in casa Belli era stato chiamato CampoParadiso.

Il seme che muore dà frutto, inevitabilmente il pensiero tira fuori questo azzardo evangelico che una volta in più si incarna nella realtà. Il dolore di un lutto anziché chiudere due genitori nella disperazione ha fatto sì che la ferita si allargasse a ospitare la fragilità altrui. E cosa sarai mai il Paradiso se non questo campo in cui si vive tutti in compagnia, siamo, tutti fratelli, dandosi del tu. Si è fratelli non in nome di un generico buonismo, ci si dà del tu non per facilità di comunicazione. Ma perché siamo stati tutti piantati in un campo che trema qui sulla terra, ma ha fondazioni robuste nel Cielo.

Oltre al Campo Paradiso, Renzo Belli aveva tenuto aperta l’unica farmacia agibile nelle settimane più critiche del sisma del 2012. Oggi una nuda statistica lo annovera come il 32° dei farmacisti morti di Covid. Anche in tempo di pandemia si è trovato in prima linea.

Non si era sottratto all’impegno anche quando un altro terremoto devastò altre regioni d’Italia, l’Umbria e le Marche.

“È una giornata di grande tristezza”, scrive la Federazione [dei farmacisti – NdR], “per la comunità dei farmacisti che perde un collega di grande valore umano, che si è sempre speso con generosità e passione per il bene del territorio e dei suoi concittadini. I messaggi di affetto e commozione espressi in queste ore dai colleghi e da tutti quanti lo conoscevano rendono omaggio a una persona di rara levatura morale che si è dedicata, con altruismo e senso del dovere, alla tutela della salute delle persone e al conforto della sua comunità”.

Da Il fatto quotidiano
Tags:
cronacasolidarietaterremoto
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni