Aleteia logoAleteia logoAleteia
mercoledì 06 Luglio |
Aleteia logo
For Her
separateurCreated with Sketch.

Tiktoker 18enne incinta: «Ho capito che l’aborto non era proprio una cosa per me»

Sofia-Crisafullii-Instagram

@sofiacrisafullii | Instagram

Paola Belletti - pubblicato il 17/02/22

Sofia Crisafulli ha annunciato, con un post su Instagram il 12 febbraio scorso, la sua gravidanza. Presente su TikTok con 1,3 milioni di followers, è una delle influencer più amate e seguite in Italia. Ha comunicato la gravidanza e le ragioni della sua decisione senza paura, con lucidità e un certo coraggio.

Sofia Crisafulli è nata del 2003; il che per me significa che ha quasi l’età di una delle mie figlie. Quello che come genitori di quasi maggiorenni ora ci aspettiamo è che studino, coltivino buone amicizie, mettano in programma di fare la patente, magari, non un figlio.

Questa osservazione, con un altro tono e dopo adeguato shock, è della mamma della stessa Sofia: “prima un figlio della patente, è tipico tuo”, dirà.

Non la conoscevo, ma devo essere stata una dei pochi. E’ un’influencer, nello specifico una Tiktoker famosa, presente anche su Instagram, di fatto le due piattaforme irrinunciabili per chi vuole fare della presenza social una fonte di guadagno. Su TikTok conta un milione e trecentomila followers.

E’ una bellissima ragazza, formosa, grandi occhi azzurri (debitamente, quasi fin troppo valorizzati), capelli scuri fino alle spalle. (Sinceramente non riesco ad abituarmi alle pose, alle espressioni, agli ammiccamenti di tante delle sue foto, come di quelle di moltissime altre. Ragazze, anche meno…Ma credo che la sostanza sia molto diversa, che sia soltanto un approccio da chi ha imparato cosa funziona online)

Nata a Legnano in provincia di Milano 18 anni fa, porta un cognome di nobili origini siciliane, ma della sua famiglia non si sa moltissimo; potrei scoprirlo guardando non stop i suoi video e leggendo i suoi post (non me la sento, lo ammetto). Mi pare abbia un fratello più giovane col quale ha messo in scena qualche video buffo sul rapporto fraterno, su quanto una sorella più grande sia una scocciatrice e una tiranna.

Intorno alla fine dell’anno scorso è andata a vivere da sola e com’è d’obbligo lo ha annunciato via social. In molti l’hanno riempita di auguri e complimenti ma non mancano (mai, a quanto pare) quelli che insultano, accusano, immaginano chissà quali privilegi, sprecano la fantasia in cattiverie e insinuazioni. Invece sembra proprio che la sua autonomia se la sia guadagnata.

A dicembre però come racconterà lei tre mesi dopo, scopre di avere un ritardo nel ciclo mestruale. Ha un ragazzo, Sofia, si chiama Agostino.

Fa tenerezza il riferimento all’istinto materno col quale giustifica nella diretta il suo sospetto e quindi la motivazione che l’ha spinta a fare un test di gravidanza. Che ne sa lei di istinto materno? è solo una ragazzina, no? Però a suo modo ha ragione. Più andiamo avanti con gli studi più viene confermato quello che nell’esperienza della maternità, fin dalle sue fasi più precoci, ci pare evidente: siamo diverse, da subito; c’è una grande opera per la quale tutto il nostro organismo si sta impegnando. Comprendiamo che sta succedendo qualcosa, anche se i segnali sono lievi, quasi impercettibili.

Fa il test, se lo dimentica perché inizia a bighellonare sullo smartphone (che è anche il suo lavoro) e quando va a vederlo legge un non fraintendibile “Incinta +3”. Era incinta di tre settimane, quindi.

Quando lo racconta ai suoi followers ha già avuto un po’ di tempo per rendersi conto di ciò che le sta succedendo e ha accolto quasi subito. Certo, le ragazze da decenni ormai sono debitamente informate e “formattate” sul fatto che l’aborto è praticabile, è addirittura un diritto -falso- ed è una scelta insindacabile in capo solo alla donna (di solito la scelta che la cultura dominante preferisce e osanna). Bene, Sofia pare saperlo, ne ha tenuto conto, ma si è fatta guidare da ciò che ha visto e sperimentato. Un ritardo, un test positivo, un cuoricino che batte all’impazzata. Quel bambino c’è, punto.

ed eccomi qui a rendervi partecipi di un altro meraviglioso capitolo della mia vita.
ormai sono al terzo mese di gravidanza, non sono stati mesi semplici per me, c’è chi se n’è andato e chi invece è rimasto, chi ha deciso di appoggiarmi e chi no (…)

Ig

La decisione che Sofia prende è proprio come ci insegnano a fare: obbedisci a te stessa, a ciò che senti più consono con i tuoi desideri, a quello che ti ispira. Fai sesso liberamente, se resti incinta puoi scegliere. E lei lo fa, ma lo fa sul serio: vede e sente quel cuore, sa di avere un bimbo che si sta formando nel suo utero, rifiuta l’aborto come cosa non conciliabile con l’esperienza che sta già vivendo.

La mamma non sarà però tra le primissime persone ad esserne messa al corrente; lo scopre con una lettera, la cui lettura è filmata e mandata online perché il carico emotivo sia il più intenso possibile. Lo shock sembra genuino, eccola:

@sofiacrisafulli

come ho detto a mia mamma di essere incinta🤞🏻🧡🤰🏻

♬ sonido original – bby girl👸🏻

Forse la giovane Sofia ora che sa di aspettare un bimbo si scopre ancora di più figlia, si rende conto meglio di quanto il legame con sua mamma sia primario, fondamentale e incancellabile perché vede anche lei che quella storia inizia subito, nella profondità del nostro corpo.

L’esperienza della prima ecografia del primo trimestre, quella in cui la cosa che tutte noi ricordiamo è proprio quel puntino che batte all’impazzata, segna un punto benedettissimo di non ritorno:

(…) passati 10 giorni, dopo la prima ecografia sentendo il suo cuoricino battere nella mia pancia ho capito che l’aborto non era proprio una cosa per me, vado contro gli ideali o le opinioni di chiunque, decido di dirglielo, sapendo che in lei avrei trovato supporto come sempre, e così è stato.
ho sempre affrontato tutto anche le cose per me più difficili, sarà una delle sfide più complicate della mia vita ma cercherò di uscirne al meglio, spero di poter essere la mamma che questa creatura si merita, spero di poter essere orgogliosa di me e di non fallire mai.
scrivo queste parole con tante lacrime agli occhi, ma so che riuscirò a superare anche questa e sarà l’esperienza più bella della mia vita, non vedo l’ora di coinvolgervi e spero in un vostro supporto, vi ho sempre reso partecipe di tutto e questo penso sarà l’argomento più importante, vi voglio bene.
sof❤️‍🩹

View this post on Instagram

A post shared by @sofiacrisafullii

Sa bene di non recitare fino in fondo il copione che la regia del pensiero dominante ha approvato, ma non le importa più di tanto. Sua mamma è con lei, forse anche il suo ragazzo (non si capisce benissimo se e come il padre è e sarà presente ma diamogli tempo), alcuni tra i tanti che la seguono l’hanno criticata anche pesantemente, moltissimi sono contenti e si congratulano.

Non è questione di tradizione, di educazione, tanto si sa che sul web siamo tendenzialmente tutti più disinibiti: è questione che di fronte alla notizia di un bambino non c’è moltissimo da dire se non “Che bello!”

Dopo c’è sicuramente moltissimo da fare, imparare, sopportare e pochissimo da dormire; ma più è incondizionata la gioia per il suo arrivo, più copiose saranno le energie che si riusciranno a trovare per crescerlo e crescere con lui. Tanti auguri, giovane incosciente!

Tags:
abortogravidanza
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni