Aleteia logoAleteia logoAleteia
lunedì 28 Novembre |
Aleteia logo
Storie
separateurCreated with Sketch.

«Sono così felice di vedervi alla mia tavola!». L’ultima cena del p. Hamel 

WEB2-JACQUES-HAMEL-AFP-000_DR9C8.jpg

CHARLY TRIBALLEAU / POOL / AFP

Agnès Pinard Legry - pubblicato il 18/02/22

Audita nel pomeriggio del 17 febbraio, nel pomeriggio, nel quadro del processo per l’attentato di Saint-Étienne-du-Rouvray, Roseline Hamel, la sorella di padre Jacques, è tornata sulle ultime ore condivise insieme. Una testimonianza toccante che restituisce la semplicità e la gentilezza del martire.

È rimasta in piedi tutto il tempo che è durata la sua audizione. Roseline Hamel, che nel pomeriggio di giovedì 17 febbraio, quarto giorno del processo per l’attentato di Saint-Étienne-du-Riuvray, ha deposto la propria testimonianza, e ha voluto raccontare a parole proprie chi era il fratello. 

Jacques era un uomo tra gli uomini, con le sue qualità e i suoi difetti. Per tutto il corso della sua vita, però, si è fatto fratello di tutte le persone che ha incontrato. 

Questo l’attacco, pieno di tenerezza. 

Era un uomo silenzioso, lo dicevano taciturno ma era capace di grande ascolto. Ascoltava talvolta con lo sguardo e con le orecchie. Era di conforto, sapeva riconciliare, era paziente. 

Roseline Hamel era arrivata a Saint-Étienne-du-Rouvray il 25 luglio 2016, con altri sei membri della famiglia, per le vacanze. Questo il suo ricordo: 

Ci ha aspettati a pie’ fermo, mentre noi siamo arrivati un po’ in ritardo. Era un brontolone, ci ha rimproverati per cinque minuti. Poi ci ha abbracciati, si è occupato dei nipoti e ci ha servito dell’acqua freschissima. 

Roseline ha ricordato la di lui previdenza: aveva fatto le pulizie prima del loro arrivo. 

Non era riuscito a fare la spesa, ci ha detto che sperava che noi ci potessimo sistemare ugualmente. 

La sorella si ricorda che padre Hamel, abituato ai suoi spazi, ci metteva almeno due giorni per adeguarsi alla presenza dei famigliari in casa, «ad abituarsi all’invasione del suo spazio». Quella sera però è stato diverso: 

Ha deposto le posate e ci ha detto: «Sono così felice di avervi alla mia tavola!» 

Con grande stupore degli ospiti! 

Che lo abbia detto meno di due ore dopo il nostro arrivo, e sapendo che l’indomani avrebbe subito il martirio… la gioia di quell’ultima cena insieme mi ha fatto pensare, chiaramente con le debite proporzioni, all’ultima cena di Cristo. 

Si sono salutati la sera verso le 22. All’indomani tutti lo sentirono alzarsi ma restarono al calduccio sotto le coperte: 

Non volevamo disturbarlo prima della messa, volevamo lasciargli un po’ di tempo per lui soltanto. Pensavamo di prendere un caffè insieme dopo la messa, come al solito. 

E qui Roseline fu scossa da un singhiozzo: 

Aveva preparato tutto per la colazione… le tazze sulla tavola, il pane a fette… 

Meno di un’ora dopo, padre Jacques Hamel veniva assassinato nella sua chiesa. 

[traduzione dal francese a cura di Giovanni Marcotullio]

Tags:
martirio
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni