Aleteia logoAleteia logoAleteia
mercoledì 06 Luglio |
Aleteia logo
News
separateurCreated with Sketch.

Furti e rapine contro religiosi: due casi in pochi giorni a Roma

SOLDI, MANO, LADRO

Shutterstock

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 19/02/22

Sono avvenuti in due importanti Case Generalizie: è allarme sicurezza

Religiosi nel mirino a Roma: in due Case Generalizie sono stati tentati furti e rapine, per fortuna andati a vuoto. A subire gli assalti dei malviventi sono stati i Lasalliani e i Paolini. 

Se li sono trovati davanti e hanno cercato di fermarli. Ed è stato allora che i ladri, diventati a quel punto rapinatori, hanno spruzzato contro di loro una sostanza urticante per assicurarsi la fuga. Una serata rocambolesca nella Casa generalizia dei Fratelli delle scuole cristiane, in via Aurelia, dove alcuni malviventi hanno minacciato i religiosi, che avevano reagito a un tentativo di furto.

Nessuno è rimasto ferito, ma adesso la polizia indaga su quanto accaduto nella serata di lunedì, quando è scattato l’allarme. La Scientifica ha effettuato un sopralluogo nel convento dove i lasalliani, come si chiamano i religiosi della congregazione fondata da Giovanni Battista de La Salle, sono comunque riusciti a respingere i banditi. Sarebbero stati almeno in tre a introdursi dopo cena nella casa generalizia senza riuscire comunque a portare via nulla. 

Giovanni Battista de La Salle, fondatore dei lasalliani.

Domenica notte, 13 febbraio, un anziano padre di 89 anni della Società di San Paolo, è rimasto ferito all’indice della mano sinistra da una coltellata sferrata da un balordo che aveva sorpreso a rovistare nella sua stanza nella Casa Generalizia di via Alessandro Severo, quartiere San Paolo.

A quel punto il religioso ha cercato di bloccarlo ingaggiando con lui una colluttazione, ma non è riuscito a fermarlo anche per via del fendente che l’uomo, forse straniero, gli ha dato sulla mano. Soccorso da un’ambulanza dell’Ares 118, il padre è stato medicato e dimesso dall’ospedale Cto della Garbatella con una prognosi di 30 giorni, a causa dell’interessamento dei tendini del dito. Sul caso indagano i carabinieri che sono subito intervenuti (Corriere di Roma, 18 febbraio).

Si è cercato di capire come abbia fatto ad entrare il ladro nel convento. Probabilmente si è introdotto nella Casa Generalizia da una porta finestra al pian terreno. La porta finestra non sarebbe stata allarmata. Così il rapinatore, a notte fonda, si è trovato facilmente nel convento. Poi è salito per tutti i piani fino al sesto per entrare nella stanza del monaco di 89 anni che stava dormendo. L’anziano è stato svegliato dalla presenza del bandito che prima l’ha minacciato. Poi, quando ha visto che il religioso faceva resistenza l’ha ferito in modo profondo ad una mano. Il religioso non ha saputo dire agli investigatori se il bandito possa essere italiano o straniero (Il Messaggero, 16 febbraio).

L’allarme per furti e rapine contro i religosi a Roma è alto. Anche per questo motivo alcune strutture si sono affidate alla vigilanza privata, anche notturna, per fare fronte all’ondata di intrusioni da parte di malviventi. 

In passato gli episodi non sono mancati, a cominciare dall’assalto nella parrocchia di Tor Bella Monaca, dove i banditi arrivarono addirittura armati intenzionati a svaligiare la cassaforte e picchiarono alcuni sacerdoti dopo averli presi in ostaggio. Raid che, anche se con conseguenze meno gravi, si sono ripetuti di recente, forse con l’aiuto di basisti rimasti nell’ombra.

Tags:
furto
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni