Aleteia logoAleteia logoAleteia
mercoledì 25 Maggio |
Aleteia logo
Storie
separateurCreated with Sketch.

Chi ha detto che non si può sopravvivere nascendo a 25 settimane di gestazione?

Alvaro Real - pubblicato il 23/02/22

Jett, il bambino più prematuro del mondo

Jett è nato alla 25ma settimana di gravidanza e pesava poco più di 600 grammi. Nessuno gli dava una possibilità di andare avanti, tranne i suoi genitori, Mhairi e Paul. Tutto era contro di lui, ma il “bambino del miracolo” è riuscito a sopravvivere.

Sulla web specializzata“Guía infantil”si può conoscere la sua storia. I medici avevano consigliato a Mhairi e Paul di abortire, dicendo che il piccolo non sarebbe sopravvissuto, che i suoi polmoni non avrebbero funzionato e avrebbe potuto subire danni cerebrali irreversibili. Meno male che Mhairi e Paul non li hanno ascoltati.

È accaduto tutto alla 20ma settimana di gravidanza. In quel momento hanno ricevuto la notizia, e cinque settimane dopo Jett è nato. In ospedale non erano preparati, nessuno conosceva un caso come questo… Jett è riuscito a venire alla luce, e anche se il suo organismo non era completamente sviluppato ha abbracciato la vita.

E poi il miracolo. Il bambino ha superato le prime ore, i primi giorni, le prime settimane, ed è migliorato nell’incubatrice. Sono passati i mesi, e Jett, che era stato dato per spacciato, è andato a casa.

Due anni dopo, conduce una vita normale.

Ha qualche problema derivato dalle circostanze della sua nascita. Polmoni e cuore devono essere controllati, ma può vivere normalmente. I miracoli esistono, e la vita di Jett ne è un ottimo esempio. Dopo aver conosciuto la sua storia, chi può dire quando un bambino può o non può sopravvivere?

Tags:
bimbo prematuro
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni