Aleteia logoAleteia logoAleteia
lunedì 28 Novembre |
Aleteia logo
For Her
separateurCreated with Sketch.

Famiglia americana adotterà Bridget, nata disabile da surrogata in Ucraina

Questo articolo è riservato ai membri di Aleteia Plus
BRIDGET, UKRAINE, CHILD

ABC News In-depth | Youtube

Annalisa Teggi - pubblicato il 27/04/22

Rifiutata dai genitori che l'avevano 'commissionata', oggi Bridget ha 6 anni e ha trovato una famiglia pronta ad accoglierla, ma la guerra rende complicata l'adozione.

Bridget, il prodotto fallato della surrogata

Bridget è una bimba ucraina di 6 anni, gravemente disabile in seguito a un parto prematuro. Suo fratello gemello è morto alla nascita. E, facendo un passo indietro, nella pancia della loro madre biologica c’era un terzo embrione, che però è stato meccanicamente rimosso.

Queste 3 vite sono state concepite con la maternità surrogata. Due vite si sono precocemente spente, la terza – sopravvissuta – è stata rifiutata dai genitori americani che avevano speso molti soldi per fabbricarla. Un caso scottante, il loro: emerso solo grazie al reportage di una giornalista australiana che ha aperto il vaso di Pandora sul mondo sommerso dei cosiddetti ‘prodotti fallati’ della surrogazione.

Avevamo già raccontato la storia di questa bimba, del suo già pesante calvario prima che scoppiasse la guerra in Ucraina.

Vittime di guerra

O forse era già in corso un’altra guerra? Certo, il fronte bellico del Donbass è incandescente da anni, ma penso più che altro a quel genere di conflitti che provocano vittime anche senza far scendere in campo carrarmati e droni.

Questo è vero per l’Ucraina ed è vero per ogni altro paese. Per citare un altro esempio: non è indizio di una guerra in atto il dato allarmante diffuso pochi giorni fa negli USA, secondo cui la prima causa di morte tra bambini e adoloescenti sono le armi da fuoco?

Se anche non si palesano due contendenti evidenti, di sicuro una guerra la si riconosce dalle vittime. Vale pure per la maternità surrogata: si può vestire il discorso con mille abiti di scena, resta il fatto che sul campo ci sono vittime. Come Bridget. Nata a Zaporizhzhya, città di cui s’ignorava l’esistenza prima che diventasse un sito nevralgico per l’avanzata russa a causa del ruolo strategico della centrale nucleare ubicata lì.

E la storia di Bridget potrebbe essere quella di una sopravvissuta a una devastazione nucleare, perpetrata però da una testata silenziosa, apparentemente innocua e perfino ritenuta una frontiera all’avanguardia dell’umanità.

ukraine-cross-EN_01516358_0180.jpeg

Bridget, il rifiuto e l’accoglienza

Ritorniamo su questa storia perché c’è una novità positiva che riguarda Bridget. A inizio aprile la testata Spiegel International ha reso noti degli sviluppi incoraggianti sulla vicenda: dopo sei anni di vita in ospedale, una famiglia americana si è candidata per adottare la bimba. Si tratta di Phillip e Kristie Graves, genitori che hanno 3 figli naturali e una adottiva, originaria dell’Armenia e con spina bifida.

Quest’ultima ha trasformato la loro vita, portandoli a cambiare casa per esigenze legate alla sua disabilità, ma soprattutto li ha introdotti all’ipotesi di adottare altri bambini con bisogni speciali.

Sul sito di una fondazione americana che promuove l’adozione di bambini con bisogni speciali [I Graves – NdR] hanno trovato e conosciuto la storia di Bridget. Sotto il suo profilo c’era scritta la sua diagnosi. La paraplegia spastica. Un’afflizione mentale non specificata. Piede equino. Una malformazione congenita della papilla. Denutrizione.

Chi è rimasto accanto alla bimba sta cercando di preparare i futuri genitori. Non solo sui suoi gusti ma anche sui suoi bisogni, per esempio degli occhiali speciali che nessun optometrista di Zaporizhzhia è in grado di fare. Ci sono anche e ancora problemi burocratici, però. Le autorità ucraine si rifiutano di riconoscere la rinuncia della prima coppia americana, e allo stesso tempo la bambina non è cittadina ucraina. E dunque, rimane in orfanotrofio, sotto la minaccia delle bombe. 

Da Il messaggero

Chi è rimasto accanto alla bimba? Sì, dopo il rifiuto dei genitori committenti, qualcuno è rimasto accanto a Bridget per tutti questi 6 anni. Una madre preterintenzionale, potremmo dire: una donna che non lo aveva pianificato, ma non ha girato la testa altrove a fronte del bisogno di una neonata con seri problemi. Si chiama Marina Boyko, un’infermiera dai luminosi capelli rosso rame.

Marina Boyko è la capoinfermiera dell’ospedale dove Bridget ha trascorso i primi 3 anni di vita. Da quando la bimba è stata trasferita in orfanotrofio, Boyko è andata a visitarla regolarmente. Le ha comprato vestiti, frutta, orecchini d’argento e, prima dell’invasione russa, la portava a fare riabilitazione nei migliori centri, qualche volta le ha fatto fare terapia coi delfini.

Da Spiegel International

La zampata materna la si riconosce dal dettaglio sugli orecchini d’argento, segno di un bene che si riserva a qualcuno che non è solo un paziente disabile. Ma Marina Boyko ha avuto anche un certo ruggito da leonessa per difendere Bridget.

Ai genitori americani che avevano profumatamente pagato per avere una madre surrogata era stato detto, alla nascita di Bridget, che la bimba avrebbe avuto poche possibilità di sopravvivere. Avendodeciso sull’inizio di quella vita, la coppia americana decise anche sulla fine della bambina, autorizzando i medici a interrompere le cure e procurando alla piccola una morte pietosa.

Ma Bridget se l’è cavata. Ed è stata premura della signora Boyko bussare ripetutamente alla porta di quei genitori che avevano speso circa 30 mila euro per avere una figlia, per documentare quanta vita insospettabile ci fosse nel supposto prodotto fallato.

Quando la bimba aveva un anno e mezzo, Marina Boyko rintracciò il padre di Bridget su Facebook e gli mandò una foto di Bridget che rideva. Matthew Etnyre non rispose. Boyko scrisse al fratello e poi alla moglie del fratello. Scrisse anche alla madre di Matthew, la nonna di Bridget, che su Facebook mostrava molta simpatia per il figlio autistico di alcuni loro amici. Marina Boyko scrisse anche a quegli amici.

Uno di loro rispose, fu l’unico, e scrisse che si sarebbe rivolto alla polizia se lei non avesse smesso di molestare la famiglia.

Ibid.

Un amore all inclusive

Che Bridget sia una presenza molesta per alcuni è evidente. Tutto era cominciato secondo una trama che doveva andare in una certa direzione: il figlio perfetto al momento giusto. Il copione si è complicato, racconglierne alcuni tasselli ci mostra un ritratto aperto dell’umano, quello commovente di chi si lascia cambiare dai fatti e dalle presenze e quello sconcertante di chi vive sigillato e schiavo dei propri sogni.

Scelsero il pacchetto “All Inclusive Standard”, che include una donatrice di ovuli da un database “dinamico”, un numero illimitato di tentativi di inseminazione sulla madre surrogata (nel sito si legge: “Ci proviamo finché non avrete un bambino”) e una camera d’albergo di livello superiore. Il pacchetto costava 29.900 euro. Non vollero incontrare la madre surrogata scelta dalla BioTexCom.

Da Spiegel International

Questi sono i termini del contratto di maternità surrogata da cui è nata Bridget. Non erano genitori davvero disponibili al all inclusive. Bridget è nata e loro l’hanno rifiutata perché disabile. Bridget è sopravvissuta e ha fatto grandi passi nella crescita fisica e intellettiva, ma loro hanno risposto col silenzio alle insistenti richieste di ascolto da parte di Marina Boyko.

Lascia sospesi pensare cosa vivranno – davvero, nel profondo – questi genitori che hanno rifiutato ripetutamente una bambina voluta.

Non mancano però i tasselli che suscitano stupore. Schegge di bene in mezzo alla guerra, intesa in senso lato. Fa pensare un dettaglio relativo alla madre biologica, quella che l’ha portata in grembo per 9 mesi. Essendo la bimba stata rifiutata dai genitori americani,

la madre surrogata è rimasta con Bridget in ospedale per quasi 5 mesi, il periodo precedente a quello in cui è stata accudita da Marina Boyko. Dormiva con Bridget, la nutriva, a quanto riportano i documenti dell’ospedale, le comprava le medicine e gliele somministrava. Chiamò anche un prete e la fece battezzare col nome di Maria.

Ibid
BAPTISM

Un gesto da vera madre. Poi il padre di questa donna rifiutò che la bimba si unisse alla loro famiglia. C’è un lungo travaglio dietro questa vicenda, e un piccolo filo rosso s’intravede. Battezzata col nome di Maria, Bridget è in attesa di volare negli USA in Maryland, letteralmente la terra di Maria.

La terra ospita ancora la presenza materna della Madonna.

L’uomo può tradire in molti modi la vita, la pazienza della Madre celeste resta nostra compagna e si veste anche della cocciuttaggine di un’infermiera dai capelli rossi o mette la Sua mano nel gesto eterno di cui è capace una donna ridotta a vendere il suo grembo.

Il resto dell'articolo è riservato ai membri di Aleteia Plus

Sei già membro? Per favore, fai login qui

Gratis! - Senza alcun impegno
Puoi cancellarti in qualsiasi momento

Scopri tutti i vantaggi

Aucun engagement : vous pouvez résilier à tout moment

1.

Accesso illimitato a tutti i nuovi contenuti di Aleteia Plus

2.

Accesso esclusivo per pubblicare commenti

3.

Pubblicità limitata

4.

Accesso esclusivo alla nostra prestigiosa rassegna stampa internazionale

5.

Accedi al servizio "Lettera dal Vaticano"

6.

Accesso alla nostra rete di centinaia di monasteri che pregheranno per le tue intenzioni

Sostieni i media che promuovono i valori cristiani
Sostieni i media che promuovono i valori cristiani
Tags:
adozionedisabilimaternità surrogataucraina
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni