Aleteia logoAleteia logoAleteia
lunedì 28 Novembre |
Aleteia logo
Chiesa
separateurCreated with Sketch.

Gesù ha compiuto veri miracoli? Perché per i capi sacerdoti era un cialtrone? 

stf2794

Bianchetti/Leemage

La resurrection du fils de la veuve de Naïm : Jesus Christ réssucite l'unique fils de la veuve. Gravure du milieu du 19eme siecle.

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 26/05/22

L’aspetto miracolistico non è mai privilegiato da Gesù come accesso al messaggio del Vangelo. Semmai, egli ordina il silenzio sui miracoli

Gesù non era un cialtrone, né un truffatore: i suoi miracoli sono autentici e testimoniati con dovizia di dettagli nei Vangeli, nonché sono stati osservati da numerose persone, credenti e non credenti. Eppure i suoi miracoli sono stati messi in discussione dai capi dei sacerdoti, che li hanno utilizzati nelle accuse contro di lui. Perché i capi dei sacerdoti erano scettici sui miracoli di Gesù?  Una buona risposta a questa domanda la formula il biblista Santi Grasso nel suo nuovo libro “Ma Dio interviene nella storia?” (Città Nuova).

Una richiesta di silenzio

Gesù, scrive Santi Grasso, non compie miracoli tanto per abbagliare, per ingenerare meraviglia, anzi richiede di solito ai presenti il silenzio. È il contrario di ciò che oggi avviene talvolta nella Chiesa, quando si verifica un miracolo. La differenza tra il comportamento di Gesù, che ordina di tacere, di non divulgare il miracolo, e lo stile di certi ambienti religiosi che ne fa un battage pubblicitario, mette in rilievo l’estrapolazione attuale. 

MIRACLES
La guarigione della madre della moglie di Pietro ad opera di Gesù.

Non era una prova dell’esistenza di Dio

Ai tempi di Gesù il miracolo non costituiva una prova dell’esistenza di Dio. Nel mondo antico, infatti, tutti credevano nelle divinità e quindi il miracolo non aveva funzione persuasoria, né tanto meno probante. Solo con la modernità, alle argomentazioni ateistiche si oppone la prova, solo apparentemente inconfutabile, del miracolo. 

Una riduzione del valore del miracolo

Si ritiene, infatti, che di fronte a esso l’ateo dovrebbe necessariamente ammettere l’esistenza di Dio, mentre questi allo stadio attuale della scienza propende semplicemente per l’inspiegabilità del fenomeno. Si è attuata così una riduzione del significato culturale e teologico del miracolo a prova, purtroppo non credibile, dell’esistenza di Dio.

Gesti potenti

Nel testo evangelico Gesù non accetta la provocazione o la sfida dei capi religiosi, perché i suoi non sono gesti potenti, compiuti per stupire o convincere. Nel discorso apocalittico Gesù preconizza, nel futuro, manifestazioni miracolose.

Allora, se qualcuno vi dirà: “Ecco, il Cristo è qui”, oppure: “È là”, non credeteci; perché sorgeranno falsi cristi e falsi profeti e faranno grandi segni e miracoli, così da ingannare, se possibile, anche gli eletti. Ecco, io ve l’ho predetto (Mt 24,23-25).

The First Miracle – The Wedding at Cana – Jesus Christ
Il miracolo del vino alle nozze di Cana.

Un significato opposto

Il miracolo assume il significato opposto di ciò che comunemente si pensa. Gesù, infatti, invita a diffidare di chi opera miracoli e segni potenti, perché questi in realtà sono opera mistificatoria di falsi profeti e sedicenti messia.

Mai privilegiato da Gesù

L’aspetto miracolistico non è mai privilegiato da Gesù come accesso al messaggio del Vangelo. Semmai, egli ordina il silenzio sui miracoli, perché una loro interpretazione sbagliata snaturerebbe la sua identità. Sono fenomeni così abbaglianti, che distolgono dalla vera esperienza di sequela e di relazione profonda con Gesù. 

Non è un taumaturgo 

Egli non è un fenomenale taumaturgo, ma il Signore, crocifisso e risorto. Da liberatore, è venuto a riscattare tutti, in special modo quelli che vivono situazioni di difficoltà. La sua morte in croce corrisponde proprio all’anti-miracolo per antonomasia. 

multiplication des pains
Il miracolo della moltiplicazione dei pani e dei pesci.

Gesù non ha ceduto alla provocazione 

Se Gesù avesse ceduto alla provocazione dei capi religiosi presenti alla sua crocifissione: «Ha salvato altri e non può salvare se stesso! È il re d’Israele; scenda ora dalla croce e crederemo in lui» (Mt 27,42), saltando giù dal patibolo, avrebbe squinternato la struttura stessa della fede perché avrebbe costretto non solo gli astanti, ma tutti a credere in lui sotto il segno dell’evidenza. 

Lo scopo dei miracoli di Gesù

La fede non sarebbe più stata credere a ciò che non si può vedere o non si può provare, ma aderire a qualcosa di indiscutibilmente evidente.

Insomma, Gesù ha compiuto effettivamente dei miracoli, ma allo scopo di rendere palese la manifestazione del regno di Dio, mentre non ha accettato di compiere altri gesti, perché non erano in sintonia con la prospettiva del suo annuncio evangelico. Se Gesù si fosse accreditato presso i capi dei sacerdoti con qualche azione particolarmente potente, sicuramente non sarebbe finito sulla croce. 

Falsi messia

L’aver negato ai leader religiosi la prova certa della sua identità messianica, è stato uno dei motivi della sua condanna. Per loro Gesù era un cialtrone, uno che, alla resa dei conti, quando è stato indagato, si è sottratto alla verifica. Il giudaismo del primo secolo è, invece, disseminato di messia che si accreditavano presso la folla compiendo miracoli eclatanti.

Clicca qui per acquistare il libro “Ma Dio interviene nella storia?” (Città Nuova).

Tags:
gesù cristomiracolisacerdote
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni