Aleteia logoAleteia logoAleteia
lunedì 03 Ottobre |
Aleteia logo
Chiesa
separateurCreated with Sketch.

Sant’Albano, il primo martire britannico ricordato dalle confessioni cristiane di tutto il mondo

ALBAN

DaveWebster14 CC

Rachel Molinatti - pubblicato il 27/06/22

Morì per essersi camuffato da sacerdote dopo aver accolto in casa sua un presbitero perseguitato dalle autorità

Gli Inglesi lo considerano il loro primo martire. Secondo il suo biografo Beda il Venerabile, questo laico degli inizi del IV secolo non era cristiano, il che non gli impediva certo di avere un buon cuore.

La prova è il fatto che un giorno accolse in casa sua un sacerdote cristiano perseguitato dalla polizia.

Senza pensarci due volte, il sacerdote gli trasmise l’essenza della fede cristiana e lo convertì, battezzandolo subito dopo.

Quando la polizia arrivò a casa sua, arrestò il sacerdote. In realtà, Albano aveva preso il suo posto, avendo indossato l’abito religioso dell’uomo di Dio per salvarsi la vita. E così morì al posto suo. Subito cristiano, subito martire.

Quasi tutte le denominazioni cristiane ricordano questo santo, concordando sul fatto che venne decapitato. C’è meno consenso sull’anno del suo martirio, a quanto pare tra il 209 e il 313.

Si crede che sia stato giustiziato vicino alla magnifica abbazia che porta il suo nome, oggi cattedrale, ricostruita molte volte.

Nella località di St Albans, a nord di Londra, il 25 giugno si celebra la Alban Fest, e si organizza un pellegrinaggio intorno alla cattedrale, accompagnato da spettacoli sulla vita del santo.

In occasione della festa, dei pupazzi alti fino a tre metri e mezzo vengono messi in mostra nella cattedrale, uscendo poi per sfilare in strada.

Primo martire cristiano britannico, Sant’Albano è commemorato in tutto il mondo, dalla Francia alla Nuova Zelanda.

Sul suolo santificato su cui era stato martirizzato Albano si sviluppò il più grande monastero benedettino d’Inghilterra. Il futuro monaco Nicholas Breakspear vi venne respinto, ma finì a Roma come Papa Adriano IV (1154-59), unico Pontefice inglese. Per coincidenza, era anche vescovo di Albano.

Durante la Rivoluzione protestante, il santuario di Sant’Albano divenne bersaglio di fanatici e cercatori di tesori. In seguito venne restaurato e oggi è il punto centrale dell’Alban Pilgrimage, ma l’abbazia non è mai stata restituita alla Chiesa cattolica.

Non è facile guardare la moderna St. Albans e immaginare la città romana di Verulamiam. La temibile regina Boudicca la ritenne offensiva al punto da distruggerla. Non difendeva i cristiani, che nell’a.D. 61 non avevano raggiunto la Britannia. Una volta che si diffusero, i Romani iniziarono a perseguitarli.

Anche se Albano era romano, divenne il primo martire britannico della fede cristiana. Il santo patrono dell’Inghilterra è un uomo che aveva ancora meno familiarità con le isole britanniche. San Giorgio proveniva probabilmente dall’attuale Turchia. 

I due santi morirono lontani l’uno dall’altro, ma più o meno contemporaneamente, se accettiamo l’anno 305 come data corretta delle epurazioni romane. Non sappiamo nulla dell’aspetto dei due martiri, ma il pupazzo di Sant’Albano che esce in processione ha un aspetto tipicamente “inglese”, riportato anche in molte vetrate.

Una chiesa che ha assunto un approccio diverso è il centro del cattolicesimo inglese, la cattedrale di Westminster, dove un mosaico del santo suggerisce origini africane.

st alban
Tags:
inghilterrasanti e beati
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni