Aleteia logoAleteia logoAleteia
lunedì 08 Agosto |
San Gaetano Thiene
Aleteia logo
News
separateurCreated with Sketch.

La Bibbia, il velo, Dio: la nuova tendenza tra le “illuminate” di Tik Tok 

influencer tik tok

Tik Tok | margow.en.christ

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 02/08/22 - aggiornato il 02/08/22

Esibizionismo o fede? L’influencer che anima questa tendenza è margow.en.christ. Ma gli studiosi sono scettici

Cristiane, giovanissime, per lo più convertite, e sopratutto orgogliose di mostrare il velo: sono le influencer di Tik Tok che annunciano il loro legame con la fede senza alcun timore.

La leader

La leader di questa tendenza su Tik Tok scrive Europa Today (1 agosto) è sicuramente la francese margow.en.christ, che vanta 192mila follower e 7,4 milioni di “mi piace”. Ma sono decine i profili come il suo dove il velo viene ostentato come simbolo di fede profonda. 

influencer tik tok

Neo convertite 

In realtà, quasi tutte le tiktoker con il velo come Maria, sembrano essersi interessate al cristianesimo solo da pochi mesi: alcune spiegano di essere state in precedenza atee, musulmane o di provenire da famiglie cristiane, senza però mai essere state praticanti. Molte di loro mostrano in video la prima Bibbia, raccontano l’organizzazione del proprio battesimo e l’acquisto del velo.

L’influencer 15enne

La quindicenne kassandra.christ.off è diventata cristiana due anni fa, nonostante la sua famiglia fosse atea: dall’inizio di aprile ha pubblicato su TikTok una dozzina di video di lei con il velo. 

La “tesi” di Kassandra

Kassandra è stata raggiunta dall’emittente France24. Ha spiegato di portare «il velo solo quando parlo con Dio, per isolarmi dal mondo, per esempio quando vado a messa, o quando faccio dei video in cui parlo di Dio. La giovane sostiene di aver «fatto ricerche sull’argomento» del velo «per evitare che mi venga detto che è solo una moda». Ad esempio, «c’è un versetto della Bibbia che dice che ‘colei che profetizza a capo scoperto disonora il suo capo».

influencer tik tok

La Prima Lettera ai Corinzi

Kassandra si riferisce alla “Prima Lettera ai Corinzi“, in cui San Paolo Apostolo «consiglia alle donne cristiane di Corinto di indossare il velo», spiega ad Europa TodayAnthony Feneuil, specialista del rapporto tra teologia e pensiero contemporaneo presso l’Università della Lorena. 

Usanza già esistente

Il consiglio, continua il professore, è «più di un tentativo di cristianizzare un’usanza già esistente che di stabilirne una nuova. In realtà, in molti luoghi del mondo, le donne hanno portato il velo, spesso in relazione al dominio patriarcale, e il cristianesimo ha semplicemente ripreso questa tradizione».

Non è un simbolo esclusivo del cristianesimo

Lo stesso vale per le immagini della Vergine Maria, prese a modello dalle tiktoker. Oissila Saaidia, docente di storia presso l’Università Lumière Lyon-2 spiega che «tutte le donne ebree dell’epoca» portavano il velo, e non si trattava dunque di un simbolo distintivo del cristianesimo. «Capita spesso che le persone facciano riferimento a testi o a presunte tradizioni per legittimare un passo, come quello di indossare il velo. Questo è il caso di questi giovani», commenta Saaidia.

“Mostrarsi”

Jean-François Colosimo, storico delle religioni, nota un altro paradosso: «Queste ragazze usano il velo per mostrarsi, mentre, tradizionalmente, tale copricapo è piuttosto sinonimo di modestia, per nascondere e proteggere il corpo». 

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni