Aleteia logoAleteia logoAleteia
lunedì 08 Agosto |
San Gaetano Thiene
Aleteia logo
News
separateurCreated with Sketch.

Il Papa: la Chiesa unita fa miracoli, in Canada ne è accaduto uno

CANADA-VATICAN-RELIGION-POPE-INDIGENOUS-AFP

Photo by Vincenzo PINTO / AFP

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 04/08/22 - aggiornato il 04/08/22

Lo ha detto in una conversazione privata con i gesuiti durante il viaggio apostolico canadese

Si definisce «la ciliegina sulla torta», ma è merito dei vescovi se si sta ricucendo il rapporto tra gli indigeni e i cattolici in Canada: lo ha detto Papa Francesco in un colloquio privato avuto con i gesuiti a Quebec lo scorso 29 luglio. 

“Se tutto sta andando bene non è a causa della mia visita”

«Questo del Canada – ha detto il Papa, come riporta La Civiltà Cattolica (9 agosto) – è stato un esempio di episcopato unito. E quando un episcopato è unito, allora può affrontare bene le sfide che si presentano. Sono testimone di quel che ho visto. Questo, dunque, voglio sottolineare: se tutto sta andando bene non è a causa della mia visita. Io sono solamente la ciliegina sulla torta. Sono i vescovi ad aver fatto tutto con la loro unità».

POPE-FRANCIS-CANADA-000_32FM7KF.jpg

“Miracoli”

Quando la Chiesa è unita, ha sentenziato il Papa ai gesuiti del Canada, si possono fare «miracoli». Quindi anche il perdono di fatti gravissimi come gli abusi compiuti dai colonizzatori, anche cristiani, nei confronti delle popolazioni native canadesi. 

Le immagini dell’ultimo viaggio del Papa in Canada

Il nemico “ideologia”

Se i vescovi del Canada sono i principali artefici di questa operazione “unitaria”, il Papa ha rammentato che «uno dei nemici peggiori contro l’unità della Chiesa e degli episcopati è l’ideologia. Dunque, si vada avanti con questo processo in cammino. Mi è piaciuto il motto del viaggio (apostolico ndr), che lo dice con chiarezza: Marcher ensemble. Camminare, ma insieme».

Il sinodo e lo Spirito Santo

Rispondendo ad una domanda sul sinodo, poi, Papa Francesco ancora una volta ha ribadito che «il sinodo non è un incontro politico né un comitato per decisioni parlamentari. È l’espressione della Chiesa dove il protagonista è lo Spirito Santo. Se non c’è lo Spirito Santo non c’è neanche il sinodo. Ci potrà essere democrazia, parlamento, dibattito, ma non c’è “sinodo”».

«Se volete leggere il libro migliore di teologia sul sinodo – ha consigliato il Papa – allora rileggete gli Atti degli Apostoli. Lì si vede chiaramente che il protagonista è lo Spirito Santo. Questo si sperimenta nel sinodo: l’azione dello Spirito». 

Tradizione e tradizionalismo: la differenza

Sulla Chiesa che cambia, il Papa ha ricordato ai presenti che «a visione della dottrina della Chiesa come un monolite da difendere senza sfumature è sbagliata. Per questo è importante avere rispetto per la tradizione, quella autentica (..) La tradizione è la vita di chi ci ha preceduto e che va avanti. Il tradizionalismo è la loro memoria morta. Dalla radice al frutto, insomma: questa è la strada». 

“Ieri si è fatto così”

«Bisogna prendere come riferimento l’origine – ha concluso Bergoglio -, non un’esperienza storica particolare assunta a modello perpetuo, come se bisognasse fermarsi là. “Ieri si è fatto così” diventa “sempre si è fatto così”. Ma questo è paganesimo del pensiero! E quello che ho detto vale anche per la materia legale, per il diritto».

Tags:
canadaindigenipapa francesco
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni