Aleteia logoAleteia logoAleteia
sabato 13 Aprile |
Aleteia logo
Spiritualità
separateurCreated with Sketch.

Il digiuno cristiano ci ricorda 3 cose importanti

jeûne

Pascal Deloche / Godong

don Luigi Maria Epicoco - pubblicato il 23/02/23

La domanda vera non è "perché si digiuna" ma "per chi".

Vangelo di venerdì 24 febbraio

Allora gli si accostarono i discepoli di Giovanni e gli dissero: «Perché, mentre noi e i farisei digiuniamo, i tuoi discepoli non digiunano?». E Gesù disse loro: «Possono forse gli invitati a nozze essere in lutto mentre lo sposo è con loro? Verranno però i giorni quando lo sposo sarà loro tolto e allora digiuneranno. (Matteo 9,14-15)

Perché si digiuna? Sembra questa la domanda a cui tenta di rispondere il Vangelo di oggi. Ma in realtà sembra che Gesù corregga parzialmente questo interrogativo così da indicarci una chiave di lettura diversa:

Possono forse gli invitati a nozze essere in lutto mentre lo sposo è con loro? Verranno però i giorni quando lo sposo sarà loro tolto e allora digiuneranno.

Una simile risposta fa comprendere subito che la domanda vera è “per chi” non “perché”. Infatti il digiuno è in funzione di qualcuno e non semplicemente di una pratica astratta.

Se così fosse significherebbe dare ad alcune pratiche religiose una sorta di attributo magico: “se faccio questa cosa allora succede questo”. “Per chi”, invece, ci ricorda che alcune cose vengono fatte affinché una relazione di amore non smetta mai di esserlo.

Infatti se chi amiamo è con noi abbiamo tutti i motivi per essere nella gioia, ma se chi non amiamo non è con noi allora è giusto che quella mancanza non venga soffocata in nessun modo, ma venga accolta come un modo attraverso cui si esprime l’amore.

Infatti l’amore vero dà gioia e dolore allo stesso tempo. Chi vuole escludere il dolore automaticamente esclude la gioia.

Il digiuno cristiano è un modo attraverso il quale noi ci ricordiamo di almeno tre cose importanti: la prima è “che non di solo pane vive l’uomo”, e cioè che nessuna cosa materiale può mai veramente soddisfare la fame di amore e di senso che ci portiamo nel cuore; la seconda cosa è che il Signore ci ha fatti abbastanza liberi da poter anche non essere succubi dei nostri bisogni, e ogni tanto dire di no a se stessi ci aiuta a fortificare la nostra libertà; la terza cosa riguarda proprio il rapporto con Gesù: digiunare, infatti, è un modo per essere solidali con la Sua passione che continua a rimanere viva nel dolore e nella passione di ogni uomo e ogni donna di questo tempo e in ogni parte del mondo. 

Tags:
dalvangelodioggidigiunodon luigi maria epicocovangelo
Top 10
See More