Aleteia logoAleteia logoAleteia
giovedì 29 Febbraio |
Aleteia logo
Chiesa
separateurCreated with Sketch.

Padre Georg racconta le dimissioni di Ratzinger, “fu uno choc”

Agi - pubblicato il 11/02/14

Il più stretto collaboratore di Papa Benedetto XVI condivide i suoi ricordi di quei momenti

E' stato "uno choc", una cosa "inaspettata". Padre Georg Gaenswein ricorda la sua incredulita' vissuta quando Benedetto XVI mise la parola fine al suo pontificato, l'11 febbraio 2013 durante il Concistoro per la canonizzazione di 813 martiri. Il prefetto della Casa Pontificia racconta, in una intervista esclusiva a"Prima di tutto" di Antonio Preziosi su Rai Radio1, quei momenti che sono passati alla storia.



"E' stato uno choc, era inaspettato– afferma Gaenswein – ho visto davanti a me i cardinali, alcuni increduli, altri non avevano capito bene. Era per tutti una sorpresa, con tutte le conseguenze di una sorpresa".

  L'arcivescovo Gaenswein sottolinea che la decisione di Ratzinger fu un "atto coraggioso" non certo una fuga, fu una decisione presa "con grande responsabilita'".



Gaenswein ricorda che Ratzinger gli comunico' "non soltanto un'idea, una riflessione, ma una decisione e io – continua – ho capito subito, anche se istintivamente ho detto 'Padre Santo, non e' possibile!', che era una decisione presa, maturata dopo tanta riflessione, con preghiera al Signore. Non c'era piu' niente da fare".

  "Importante e' capire bene – ribadisce padre Georg – che questo atto coraggioso non era una fuga, ma una decisione presa con grande responsabilita'. Infatti il diritto canonico dice che 'la sede vacante puo' verificarsi o a causa della morte di un papa oppure attraverso la rinuncia che dev'essere ovviamente pronunciata in modo adatto'.



E cosi' avvenne, cosi' fu la rinuncia di papa Benedetto XVI". La decisione di Benedetto XVI di porre fine al suo pontificato, l'11 febbraio 2013, sicuramente non rappresenta un precedente e non ha condizionato i successori al soglio petrino. "Papa Benedetto – ha sottolineato il prefetto della Casa Pontificia – non ha condizionato o non condizionera' nessuno dei suoi successori.

  Certamente con questo atto di rinuncia ha determinato un fatto nuovo che deve essere rispettato". Oggi le giornate di papa Ratzinger sono all'insegna della preghiera e dello studio.

  Padre Georg Geinswein conferma cosa fa il Papa emerito da quando ha rinunciato al soglio pontificio.



"Benedetto XVI ha detto una volta – afferma – che lui si voleva ritirare sul monte, al monastero 'Madrae Ecclesiae' dove voleva pregare, e con la preghiera aiutare sia la Chiesa che il suo successore, papa Francesco. Il Papa prega, studia, riceve persone, si occupa di un'ampia corrispondenza, sente musica, passeggia. La sua mattina inizia sempre con la Santa Messa e con il breviario; ogni tanto la sera suona anche il pianoforte".

Qui l'articolo originale

Tags:
dimissioni ratzingerpapa benedetto xvirinuncia al ministero petrino
Top 10
See More