Aleteia logoAleteia logoAleteia
venerdì 23 Febbraio |
Aleteia logo
Storie
separateurCreated with Sketch.

Alan Naiman, l’uomo che ha dato tutto

WILL

Fizkes - Shutterstock

Jaime Septién - pubblicato il 07/01/19

L'operatore sociale ha condotto una vita frugale per lasciare quasi 11 milioni di dollari a organizzazioni benefiche

Se è vero che le apparenze ingannano, l’amore per l’altro che si nasconde nella parte più recondita del cuore umano, quando è amore vero, non è visibile agli occhi – lo conosce solo Dio.

Questa riflessione si adatta bene alla notizia diffusa dal portale web della National Public Radio (NPR), degli Stati Uniti, secondo la quale un operatore sociale ha condotto una vita frugale per lasciare quasi 11 milioni di dollari a organizzazioni benefiche che lavorano a favore dei bambini.

La giornalista Sasha Ingber lo ha raccontato per NPR, dando a quest’uomo un nome e un cognome. Alan Naiman era un operatore sociale di Washington che gli amici ricordano come “molto frugale”. Indossava scarpe logore tenute insieme con lo scotch, guidava una vecchia automobile e mangiava in ristoranti a buon mercato.

Quando è morto di cancro nel gennaio 2018, a 63 anni, le persone che lo conoscevano si sono rese conto che aveva risparmiato circa 11 milioni di dollari per una causa straordinaria: sostenere organizzazioni che aiutano bambini abbandonati, poveri, malati e disabili.

“Ha lasciato tutto alle organizzazioni benefiche, soprattutto ai bambini, la fascia della società che non poteva aiutare se stessa”, ha affermato Shashi Karan, un amico di Naiman, alla NPR.


KYLIAN MBAPPE

Leggi anche:
Cuore Mbappe! Dona in beneficenza tutto quello che ha guadagnato al Mondiale

Naiman non si è mai sposato e non ha avuto figli biologici. Suo fratello maggiore, disabile e morto nel 2013, gli ha però mostrato “un modo speciale di vedere le cose”, ha dichiarato l’amica di Naiman Susan Madsen a The Associated Press.

Prima di trascorrere due decenni nel Dipartimento per i Servizi Sociali e Sanitari di Washington, dove secondo alcuni rapporti guadagnava circa 67.200 dollari all’anno, Naiman era stato un banchiere.

Ricchezza di cuore

Pur conducendo una vita modesta, Naiman ha accumulato una notevole ricchezza risparmiando gli stipendi, facendo altri lavori ed ereditando milioni di dollari dai suoi genitori.

Prima che gli venisse diagnosticato il cancro, pensava di viaggiare o di trasferirsi in una casa più bella con un bel panorama, ha rivelato la Karan, ma questi sogni sono stati poi spazzati via dalla diagnosi. Naiman è così passato a indagare sulle organizzazioni benefiche.

Scherzava dicendo che stava compiendo “un lavoro nella fondazione”, alludendo al fondatore e filantropo della Microsoft, Bill Gates, ha proseguito Karan.

L’eredità di Naiman ha incluso la consegna di 2,5 milioni di dollari a un’organizzazione benefica dello Stato di Washington che aiuta i neonati che sono stati esposti a oppiacei, cocaina e altre droghe, e 900.000 dollari a un gruppo di assistenza ai bambini chiamato Treehouse.


SYNOD2018

Leggi anche:
Papa Francesco: nell’incontro definitivo con Gesù porteremo solo quello che abbiamo donato

Tra le altre organizzazioni benefiche per bambini sostenute con l’eredità di Naiman ci sono il Centro di Equitazione Terapeutica Little Bit, che offre passeggiate terapeutiche a persone disabili, e WestSide Baby, che distribuisce articoli nuovi e usati a famiglie a basso reddito.

Naiman ha anche donato del denaro alla chiesa cattolica dei suoi genitori e ai veterani statunitensi disabili, e rappresenta senz’altro uno splendido esempio di ciò che può fare un cuore silenzioso per il bene dei più bisognosi, in particolare dei bambini.

Con informazioni della National Public Radio (NPR)

Tags:
bambinibeneficenzauomo
Top 10
See More