Aleteia logoAleteia logoAleteia
domenica 14 Aprile |
Aleteia logo
For Her
separateurCreated with Sketch.

Giuseppe l’ateo: “Sai, ieri ho detto un’Ave Maria per tua figlia”

MAN LOOKING SKY

unsplash-logoJeremy Perkins

Chiara Bertoglio - pubblicato il 08/04/19

C. è una donna meravigliosa, fa la cuoca volontaria in una comunità per malati di AIDS agli arresti domiciliari. Giuseppe non è pentito e non crede in Dio. Ma quando è morta la figlia di C. qualcosa è cambiato.

C. (iniziale del nome, NdR) è una donna meravigliosa, una donna che vive per Dio e per gli altri, nella realtà della sua famiglia, della parrocchia, del volontariato. Fra l’altro, è cuoca (volontaria) in una comunità per malati di AIDS,molti dei quali vi si trovano agli arresti domiciliari. Uno di loro, che chiamerò Giuseppe, è lì da anni ed anni; sta scontando una pena per l’uccisione di due carabinieri. Di per sé, mi raccontava C., non è per nulla pentito. Lo rifarebbe volentieri, dice sempre.


RAGAZZO, SBARRE, TRISTE

Leggi anche:
Jack è uscito dalla sua gabbia di rabbia e la carezza di Dio ha cambiato il suo volto

Non crede in Dio, non prega e non sa pregare.
Però, due anni fa è morta la figlia di C.
E Giuseppe le si è avvicinato, timidamente, farfugliando: “Sai, C., ieri ho detto un’Ave Maria per tua figlia”.
Ogni volta che C. va a cucinare in questa comunità, Giuseppe si accosta alla porta della cucina, il cui ingresso è vietato agli ospiti. Si affaccia, e le porge sempre un bicchiere d’acqua.

Chiunque avrà dato anche un solo bicchiere d’acqua fresca a uno dei miei discepoli, in quanto mio discepolo, in verità vi dico, non perderà la sua ricompensa.

Giuseppe l’ateo non lo sa. Ma lo fa.

man, water,
Shutterstock

QUI IL LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE PUBBLICATO DA CHIARA BERTOGLIO

Tags:
aidsateoave maria
Top 10
See More