Aleteia logoAleteia logoAleteia
giovedì 22 Febbraio |
Aleteia logo
Storie
separateurCreated with Sketch.

26 marzo 1989: il giorno in cui Maradona andò a Lourdes

DIEGO-MARADONA-LOURDES-000_PAR2004042063505.jpg

GABRIEL BOUYS / AFP

Diego Armando Maradona e la figlia Dalma il 26 ottobre 1989 a Lourdes. Li accompagnò in basilica il sindaco dell'epoca Philippe Douste-Blazy.

Louise Alméras - pubblicato il 27/11/20

Diego Armando Maradona, la leggenda del calcio nata in Argentina, è morto per una crisi cardio-respiratoria il 25 novembre. Si sa che è sempre rimasto fedele alla patria e al calcio… ma è meno noto che era uomo di parola, e che le sue promesse erano talvolta lontane dall'immagine del genio dannato…

Ragazzo dai piedi d’oro e dalla testa bruciata nei sogni di gloria, Diego Maradona sbarcò a Napoli negli anni ’80 del XX secolo. Vale molto e lo sa. Ogni domenica, tutti i Napoletani andavano allo stadio per assistere alle sue prodezze. Eppure, il 26 marzo 1989 il campione lasciò il suo paese adottivo per andare a onorare una promessa fatta alla moglie Claudia. El Pibe de Oro le aveva promesso di recarsi al santuario di Lourdes per ringraziare la Vergine della nascita della loro figlia, chiamata per l’occasione Dalma-Lourdes.




Leggi anche:
Il Papa donò un rosario a Maradona. E lui disse: “Sono il tuo primo fan”

Era già l’uomo della “mano de Dios” e la sua celebrità era all’apice: tutto il mondo ha pure visto i suoi segni di croce e le sue genuflessioni sui campi di calcio (perché nutriva una fede sincera e una grande devozione per la Vergine Maria, amatissima in America Latina – non ne ha mai fatto mistero). Quando però arrivò a Lourdes i pellegrini si accalcarono attorno a lui per toccarlo, fino a impedirgli di avvicinarsi alla grotta.




Leggi anche:
Morgan Freeman incontra la destinataria del 70º miracolo di Lourdes

Solo la moglie (di nuovo incinta) e la figlia riuscirono ad arrivarvi per fare una preghiera, mentre Maradona indispettito si grattava la rogna della celebrità, da solo, dall’altra parte del Gave. Tornò comunque in aeroporto con due taniche piene di acqua della grotta, che si riportò a Napoli. E se quel giorno non fu bello come il campione l’avrebbe voluto, tutti a Lourdes ancora se ne ricordano… come di un’apparizione!

L'incontro tra papa Francesco ed “El Pibe de Oro”:

[traduzione dal francese a cura di Giovanni Marcotullio]

Tags:
argentinacalciatorecalciopapa francescosantuario di lourdes
Top 10
See More