Aleteia logoAleteia logoAleteia
domenica 14 Aprile |
Aleteia logo
For Her
separateurCreated with Sketch.

In quaresima con Tolkien: Dio ci chiede di restare chi siamo

TOLKIEN, WALK, COLLAGE

FotoDuets | Shutterstock

Martha, Mary and Me - pubblicato il 23/03/21

Il Figlio di Dio avrebbe potuto mostrarsi in tutta la sua gloria davanti ai potenti del mondo. Ha scelto di farsi compagno e amico di pescatori: la sua Luce ci chiama a restare chi siamo, ma insieme a Lui.

“In quel tempo, Gesù prese con sé Pietro, Giacomo e Giovanni e li condusse su un alto monte, in disparte, loro soli. Fu trasfigurato davanti a loro e le sue vesti divennero splendenti, bianchissime. […] Mentre scendevano dal monte, ordinò loro di non raccontare ad alcuno ciò che avevano visto, se non dopo che il Figlio dell’uomo fosse risorto dai morti. Ed essi tennero fra loro la cosa, chiedendosi che cosa volesse dire risorgere dai morti.”

Vangelo di Marco 9,2-10

Galadriel e l’anello

[Galadriel:] “Tu mi daresti l’Anello di tua iniziativa! Al posto dell’Oscuro Signore vuoi mettere una Regina. Ed io non sarò oscura, ma bella e terribile come la Mattina e la Notte! Splendida come il Mare ed il Sole e la Neve sulle Montagne! Temuta come i Fulmini e la Tempesta! Più forte delle fondamenta della terra. Tutti mi ameranno, disperandosi!”. Levò in alto una mano, e l’anello che portava irradiò una gran luce che illuminava solo lei, lasciando tutto il resto al buio. In piedi innanzi a Frodo pareva adesso immensamente alta, e il fascino della sua bellezza era insostenibile. Ma poi lasciò ricadere il braccio, e la luce scomparve, e improvvisamente rise, e si rimpicciolì: tornò ad essere un’esile donna elfica, vestita di semplice bianco, dalla dolce voce morbida e triste. “Ho superato la prova”, disse. “Perderò i miei poteri, e me ne andrò all’Ovest, e rimarrò Galadriel”.

Il Signore degli Anelli, La compagnia dell’anello, libro II, cap. VII, “Lo specchio di Galadriel”
GALADRIEL, LORD OF THE RINGS

Eri un uomo, un israelita, un ragazzo

Alto? Bello? Simpatico? Forse. Eppure eri Dio, eri fine e principio, mortale e divino. Potevi avere tutto ai tuoi piedi, invece ti sei fatto calpestare da tutti. Hai scelto di rivelare la tua potenza davanti a dei pescatori, a degli ignoranti che non avrebbero capito. Avresti potuto mostrarti ai saggi ed ai potenti, al mondo, nel tuo trionfo, nella tua gloria. Avresti potuto sciogliere ogni nostro dubbio, allora come oggi. 

Perché scegli di nasconderti? Perché non scendi a lottare il male, con le tue schiere di angeli, e non ci risparmi la fatica di combatterli da soli? Perché ci hai fatto così piccoli, così fallibili e ci hai affidato una missione così grande? Cosa vuoi dimostrare? Come speri di vincere con noi? Ti nascondi in un po’ di pane e forse neanche riusciremo mai a capirlo fino in fondo. Eppure ti fai ancora piccolo, ogni giorno, ogni messa. Come potremmo mai coglierne il mistero?

Luce che filtra dalle crepe

Con te sembra sempre di risolvere un rebus, e ci piazzi davanti dei ragazzi pieni di domande a cui le nostre risposte non possono bastare, perché a volte le ragioni che ci “balbettiamo” non bastano a noi. Ci metti in situazioni scomode, in circostanze assurde, davanti a paradossi che a fatica cogliamo, con le nostre forze limitate.

NADZIEJA

Scendiamo anche noi da quel monte, pieni di una gioia vera, ma anche un pò storditi e con ancora tante domande come quei discepoli che continuavano a chiedere cosa significasse “resurrezione”. Eppure, anche Pietro, Giacomo e Giovanni sarebbero rimasti a contemplare la luce, quella che spesso sembra solo filtrare tra le crepe, nelle pareti della nostra vita e vorremmo sapere da dove viene e cosa ha a che fare con noi. Forse non capiremo mai fino in fondo cosa è successo su quel monte, quando è capitato anche a noi di esserci, ma quella luce è la luce della verità che chiama quella parte di noi che nemmeno sapevamo di avere, che avevamo sopìto, ma che vuole rispondere.

Qualcosa che non può essere spiegato. C’è.

Sappiamo riconoscerla, la luce: attrae, riempie, dà senso. Sappiamo riconoscerla, più difficile è sceglierla. E forse è questo il punto. Diceva Sant’Agostino

La verità è come un leone. Non avrai bisogno di difenderla. Lasciala libera. Si difenderà da sola

E’ questa fiducia che a volte dimentichiamo. Altrimenti è come voler stuccare quelle crepe, per non sopportarne la presenza, è solo accendere una lampadina, per non rischiare di rimanere accecati dalla Luce vera. E’ la ragione che vorrebbe avere la meglio perché non sa fidarsi di ciò che non può essere spiegato. Forse è questo che dimentichiamo con i ragazzi, con l’amico ateo, con i commenti sui social, quando cerchiamo troppe parole per spiegare le nostre ragioni: dimentichiamo che Lui non ha bisogno di essere spiegato, perché ci ha donato molto di più che un manuale di risposte.

Resta ciò che sei

Ci ha lasciato un dono, che è l’unico essenziale: la capacità di riconoscerlo. Quando ci sentiamo inadeguati, quando non sappiamo come dare ragione della nostra fede, quando non riusciamo a spiegare o dare una risposta, allora fidiamoci. Lui non ha bisogno di essere difeso, ha la Verità dalla sua. Lui non ha bisogno di farsi vedere, ha noi.

Restiamo noi stessi, come quella Galadriel. Forse abbiamo una buona dialettica, le migliori risposte, l’ironia giusta, forse potremmo persino convincere qualcuno, ma questa è la nostra prova: ci è chiesto solo di sceglierLo restando ciò che siamo. Piccoli, inadeguati, pieni di domande, ma con la certezza che “non ha risparmiato il proprio Figlio, ma lo ha consegnato per tutti noi, non ci donerà forse ogni cosa insieme a lui?”. Tutto il resto è una trappola di superbia e paura che oltre a non avvicinare nessuno, allontanerà anche noi da Lui.

QUI IL LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE PUBBLICATO DA MARTHA, MARY AND ME

Tags:
john ronald reuel tolkienquaresima
Top 10
See More