Aleteia logoAleteia logoAleteia
lunedì 15 Aprile |
Aleteia logo
Stile di vita
separateurCreated with Sketch.

L’antica pratica cristiana che vi aiuterà a mantenere la concentrazione

MEDYTACJA

Ekaterina Iatcenko | Shutterstock

Chris Lowney - pubblicato il 23/09/21

Le nostre tradizioni spirituali offrono alternative a pratiche controverse alla moda

Questo articolo richiede solo 3 minuti per essere letto, ma sono certa che la vostra mente a un certo punto comincerà a divagare.

Ma non mi offenderò.

È quello che accadrebbe anche se fossi una scrittrice brillante, perché la mente umana tende a perdere la concentrazione, ed è un fenomeno che sembra in aumento al giorno d’oggi. Fortunatamente c’è un antidoto: alcune antiche “tecnologie spirituali”.

Prima di prescrivere la cura, permettetemi di spiegare la malattia: uno studio affascinante dei ricercatori di Harvard ha concluso che la nostra mente vaga fino al 47% del tempo, e che quando questo accade tendiamo a sentirci infelici. Come hanno affermato i ricercatori, “una mente umana è una mente errante, ma una mente errante è una mente infelice”.

Mondo digitale

Basta pensare a come i social media e le tecnologie della telefonia intelligente abbiano esacerbato il problema. Fluttuiamo in un fiume di posta, tra e-mail, messaggi di testo e telefonate. Siamo al 100% presenti in tutte le distrazioni aleatorie che incrociano il nostro radar.

Alla fin fine, ciò che conta è quello in cui non siamo presenti: costa sta accadendo nel nostro io più intimo? Siamo attenti alle nostre priorità fondamentali? E soprattutto, come ci stiamo relazionando a Dio nella nostra vita interiore?

Cosa fare al riguardo? I geni dei social media le cui applicazioni hanno aggravato questi disordini stanno proponendo delle soluzioni: altre applicazioni, in questo caso applicazioni per evitare di distrarsi. Sul serio? No, grazie.

Pratiche antiche

Ci troveremo meglio con le pratiche antiche che con quelle nuove. Anziché esplorare applicazioni di smartphones ad alta tecnologia, approfittiamo della saggezza delle grandi tradizioni religiose del mondo, che secoli fa avevano già stabilito delle pratiche per far concentrare la nostra mente errante.

I cristiani hanno, tra gli altri, gli insegnamenti di San Benedetto, le cui comunità monastiche pregano per molte ore al giorno. La liturgia delle ore, una disciplina che consiste nel pregare a orari definiti durante la giornata, è ampiamente praticata all’interno della Chiesa.

Ma cos’hanno a che vedere queste pratiche con i social media e la ricerca di Harvard sulle menti erranti? Molto! Se la mente umana tende invariavelmente a vagare, possiamo allenarla a rimanere concentrata.

Le pratiche monastiche non sono state sviluppate specificatamente per curare le menti erranti, ma per fini esplicitamente religiosi: aiutare gli esseri umani a collegarsi a Dio.

Hanno però anche un effetto collaterale salutare: riorientarci a quello che è davvero importante nella vita.

Flessibilità

È vero che la programmazione quotidiana probabilmente non permette un regime di preghiera come quello che seguono i monaci, ma le nostre tradizioni spirituali offrono alternative flessibili.

Sant’Ignazio di Loyola, fondatore dei Gesuiti, proponeva ad esempio una paura di riflessione quiotidiana chiamata “esame”. Semplificando, si tratta di dedicare qualche minuto, alcune volte al giorno, a esprimere gratitudine per le benedizioni della giornata, ricordare ciò in cui si può migliorare e chiedere l’aiuto di Dio per il resto della giornata.

Quale versione di tutte queste pratiche funziona meglio? Semplice: quella che funziona per voi. Analizzate le possibilità o sviluppate un vostro rituale personale, ma trasformate la cosa in un’abitudine e impegnatevi a seguirla. Non presumete che vi ricorderete di farlo tutti i giorni. Il nostro mondo è caotico, occupato e pieno di fonti di distrazione.

È umiliante per me come autrice considerare che la vostra mente probabilmente ha vagato un po’ durante i paragrafi precedenti, ma sono soddisfatta del fatto che siate arrivati fino a qui. E sarà molto più gratificante se ora dedicherete del tempo a scoprire e a coltivare qualche abitudine quotidiana per far concentrare nuovamente la vostra mente errante.

Tags:
concentrazionemente
Top 10
See More