Aleteia logoAleteia logoAleteia
mercoledì 06 Luglio |
Aleteia logo
News
separateurCreated with Sketch.

Covid, in chiesa si rispettano le regole perché sono “un atto d’amore”

lev radin | Shutterstock

La messa domenicale.

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 15/02/22

"Tantissimi di noi, se non proprio tutti, abbiano chiaro perché in parrocchie e santuari cattolici le regole anti Covid vengono rispettate, è il caso di dirlo, religiosamente"

L’eccessivo rispetto delle regole anti Covid, che hanno reso le chiese luoghi sicuri, è un bene o un male? Non si rischia di allontanare troppi fedeli dalle celebrazioni per la rigidità nel rispetto di tali regole (obbligo di mascherina e distanziamento, capienza ridotta, ecc)? Un lettore ha scritto le proprie perplessità al direttore di AvvenireMarco Tarquinio, che ha risposto con una interessante riflessione. 

In chiesa e negli altri luoghi di culto, premette il direttore di Avvenire, si può entrare senza esibire la Certificazione verde, il cosiddetto Green pass. Che è invece richiesto per l’accesso a luoghi pubblici come cinema e teatri. 

«In tutti i luoghi di culto – scrive il direttore di Avvenire Marco Tarquinio, rispondendo ad un lettore – in questa stagione pandemica si è però tenuti a osservare le regole di sicurezza suggerite dalle autorità sanitarie e stabilite dai provvedimenti normativi via via approvati. E confermati e richiamati in un protocollo in vigore ormai da molti mesi che non è stato imposto. Ma concordato con la Chiesa cattolica e le altre comunità religiose presenti in Italia». 

MESSE

Il protocollo prevede queste regole anti covid da rispettare in chiesa: «distanziamento fisico, uso della mascherina (in questa fase è raccomandata la Ffp2, che non tutela solo gli altri, ma protegge anche se stessi), igienizzazione di luogo, oggetti e mani». 

Afferma Tarquinio: «Capisco il timore per la possibile assuefazione a una partecipazione alla vita ecclesiale soltanto “a distanza” (o addirittura alla non-partecipazione). Ma spero che lei si sbagli e che la giusta preoccupazione delle persone assediate dal Covid finisca presto». 

Il direttore di Avvenire conclude così: «Conto anche che tantissimi di noi, se non proprio tutti, abbiano chiaro perché in parrocchie e santuari cattolici queste regole anti-Covid vengono rispettate, è il caso di dirlo, religiosamente. Non sono articoli di fede, ma atti di amore verso la comunità di cui si è parte e per ogni singolo fratello e ogni singola sorella comunque abbia scelto di comportarsi in questo duro tempo pandemico» (Avvenire, 15 febbraio).

Tags:
covid
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni