Aleteia logoAleteia logoAleteia
mercoledì 06 Luglio |
Aleteia logo
Stile di vita
separateurCreated with Sketch.

Smettila di dipendere dal tuo smartphone!

CarlosDavid | Shutterstock

Umberto Macchi - pubblicato il 22/02/22

7 consigli utili per te e i tuoi cari

Se già prima della pandemia dipendevamo dai nostri telefoni super intelligenti, ora, davvero, non possiamo farne a meno: per lavorare, divertirci, studiare, fotografare, mandare messaggi, andare da qualche parte e, in ultimo, telefonare. Eppure tu sai che qualcosa non va, sai che ti sentiresti molto meglio se facessi una passeggiata o se ti preparassi un pasto sano, invece di aprire Facebook per la milionesima volta. Dunque che aspetti? Vuoi smettere di stare sempre attaccato al tuo smartphone? Ti senti in colpa per passare inutili ore sui social? Allora prova a seguire questi facili consigli.

Prima cosa, pensa bene a come e perché stai usando il telefono: pensa a ognuna delle app che apri più spesso (Whatsapp, Instagram, Facebook, YouTube ecc.) e al motivo per cui ti viene voglia di controllarla. Cerca di evitare di aprirle senza un motivo ben preciso e disattiva le notifiche inutili. Se hai bisogno di ricevere le notifiche delle mail per lavoro, usa una app diversa per le tue mail personali e silenzia tutto quello che puoi.

Fare storie, postare foto, twittare e mandare messaggi ogni ora può farti entrare in un circolo di risposte e commenti infernale, e così rischi di rimanere tutto il giorno davanti allo schermo. Non c’è una quantità di post buona e giusta per tutti, ma c’è una quantità e un tipo di post che ti porta felicità e senso di connessione, e una quantità che invece è solo riempitivo a caso. Se ti ritrovi a postare troppo, chiediti che cosa vuoi ottenere e se non ci sono altri modi per ottenerlo.

Riordinare la propria home aiuta: sembra stupido, ma non lo è. Mettendo Facebook, Twitter o Instagram in fondo nell’ultima schermata del tuo smartphone può aiutarti a controllarli meno, perché non li hai sempre davanti. Spesso si aprono quelle app per memoria muscolare e non perché lo si vuole veramente. Il detto “lontano dagli occhi lontano dal cuore” può rivelarsi più vero di quanto si creda!

Cerca di evitare di mandare mille messaggi, soprattutto su whatsapp, e prova a telefonare di più. Ormai fa fatica a tutti farlo, abituati come siamo a scrivere messaggi veloci, ma telefonare può farti risparmiare molto più tempo e non ti farà rimanere incollato al telefono in attesa di una risposta.

Se vuoi informarti su cosa sta succedendo nel mondo, prova a farlo in modo più concentrato, senza cercare notizie sui social, ma magari ascoltando un podcast mentre ti prepari per andare al lavoro, o iscrivendoti a una newsletter giornaliera, o andando direttamente sulla homepage di un quotidiano. Evita poi le polemiche sui social: quelle sono un veleno mangiatempo!

Sì, qualche volta si può anche dire di no; qualche volta si può anche essere assenti; qualche volta si può anche non essere aggiornati sull’ultima polemica in rete. È difficile disconnettersi, anche solo per un’ora, se ti piace essere un amico presente e/o una persona al corrente di quello che sta succedendo nel mondo, ma trovare un po’ di spazio e di tempo per noi, non ci rende persone meno interessanti, anzi. Non solo, anche non essere sempre disponibile è non solo ragionevole, ma un’ottima cosa: non rispondendo subito a ogni messaggio, rimarrai più concentrato al lavoro, e avrai meno “ansia da prestazione”.

È come bere un bicchier d’acqua e limone appena svegli: non ti va, preferiresti addentare un bel cornetto, ma farlo, alla lunga, ti fa stare meglio. Prendere il telefono in mano ogni cinque minuti ha la stessa valenza di quel cornetto, mentre smettere di farlo è come bere quel bicchier d’acqua: alla lunga, ti farà stare meglio. Trovati un hobby: se trascorrere troppo tempo al telefono ti fa stare male, considera altre opzioni di intrattenimento e impegnati a fare altro (anche se non è facile): guarda un film o una serie tv, gioca ai videogame o, perché no, a un gioco da tavola, fai sport, riordina casa, leggi un libro, impara qualcosa di nuovo o cerca semplicemente di trovare un passatempo nella realtà che stai vivendo, non nel solito spazio virtuale.

Tags:
dipendenzasmartphone
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni