Aleteia logoAleteia logoAleteia
sabato 24 Febbraio |
Aleteia logo
Storie
separateurCreated with Sketch.

Un rosario, curioso protagonista di una partita della Copa Libertadores

Questo articolo è riservato ai membri di Aleteia Plus
PARAGUAY

@goleirojean95

Pablo Cesio - pubblicato il 10/04/22

Il classico paraguayano tra Olimpia e Cerro Porteño per la prima fase della Copa Libertadores de América ha visto un episodio particolare che ha coinvolto il furto del rosario del portiere Jean Paul Fernandes. Col passare delle ore è riuscito a recuperarlo, accompagnandolo con una richiesta di perdono

Questa settimana è iniziato uno degli eventi sportivi più longevi e famosi dell’America Latina: la Copa Libertadores.

In questo torneo si vedono spesso anche immagini che vanno al di là dell’aspetto sportivo e che mostrano in qualche modo uno spirito di trascendenza – dai giocatori che pregano in campo ad altri che hanno tatuati la Madonna o i santi, oltre a oggetti religiosi.

Martedì 5 aprile, nel classico paraguayano disputato tra Olimpia e Cerro Porteño, si è vissuto un episodio decisamente particolare. A un certo punto, alla fine della partita, il portiere del Cerro Porteño, Jean Paul Fernandes, ha iniziato a mostrarsi infastidito perché ha pensato che gli avessero rubato il rosario che porta sempre con sé e che durante le partite lascia accanto alla rete.

Per il calciatore, ricordano media come ABC, ha un grande valore affettivo, essenndo un regalo di suo nonno. Quando non lo ha trovato, ha reagito contro un raccattapalle.

Qualche ora dopo, il calciatore è riuscito a recuperare il rosario, e ha scoperto che il giovane, Gabriel Medina, non glielo aveva rubato, collaborando anche per cercarlo, e per questo gli ha chiesto scusa.

“Sono qui con Berni, avvocato del club, con la massima umiltà per chiedere perdono a Gabriel Medina. E per ringraziarlo perché ha recuperato il mio rosario”, ha detto il portiere.

“Nella partita, hanno indicato lui come colpevole e io gli sono andato vicino perché per me è una cosa personale, è di mio nonno, e sono andato a riprenderlo. Lui sapeva chi aveva il rosario, ormai abbiamo tutti i dati, ma non li diffonderemo ora perché dobbiamo raccogliere delle prove. Voglio approfittare per ringraziarlo e chiedergli scusa”, ha insistito.

Non è la prima volta che il portiere appare insieme al suo rosario. Sulle sue reti sociali si può verificare come lo indossi spesso, e le immagini sono anche accompagnate da messaggi speciali.

View this post on Instagram

A post shared by Jean Paulo Fernandes Filho (@goleirojean95)

La partita tra Olimpia e Cerro Porteño si è conclusa con uno 0 a 0. Resta da vedere cosa accadrà con le altre partite del girone e l’incontro di ritorno. Questo martedì sarà comunque ricordato da molti come la partita in cui un rosario si è trasformato nel curioso protagonista.  

Il resto dell'articolo è riservato ai membri di Aleteia Plus

Sei già membro? Per favore, fai login qui

Gratis! - Senza alcun impegno
Puoi cancellarti in qualsiasi momento

Scopri tutti i vantaggi

Aucun engagement : vous pouvez résilier à tout moment

1.

Accesso illimitato a tutti i nuovi contenuti di Aleteia Plus

2.

Accesso esclusivo per pubblicare commenti

3.

Pubblicità limitata

4.

Accesso esclusivo alla nostra prestigiosa rassegna stampa internazionale

5.

Accedi al servizio "Lettera dal Vaticano"

6.

Accesso alla nostra rete di centinaia di monasteri che pregheranno per le tue intenzioni

Sostieni i media che promuovono i valori cristiani
Sostieni i media che promuovono i valori cristiani
Tags:
calcioparaguayrosario
Top 10
See More