Aleteia logoAleteia logoAleteia
sabato 02 Marzo |
Aleteia logo
Storie
separateurCreated with Sketch.

La donna con una gamba sola Guinness dei Primati per aver corso 104 maratone in 104 giorni

web3-Jacky-Hunt-Broersma-instagram.jpg

Jacky Hunt-Broersma | @ncrunnerjacky | Instagram

Theresa Civantos Barber - pubblicato il 04/07/22

La perseveranza, il coraggio e la determinazione di questa donna sono una fonte di ispirazione per chiunque stia cercando di “fare cose difficili” come lei

Correre una maratona è un’impresa notevole per chiunque. Una donna ha portato questa sfida a un livello del tutto nuovo correndo 104 maratone in 104 giorni, tutte con una gamba artificiale.

Jacky Hunt-Broersma è madre di due bambini e vive in Arizona (Stati Uniti). Nel 2001 ha perso la gamba sinistra a seguito del sarcoma di Ewing, una rara forma di cancro.

Dopo l’intervento, ha scoperto che correre era un ottimo modo per accettare il proprio corpo e sentirsi orgogliosa di quello che poteva fare.

“Correre mi ha davvero cambiato la vita e mi ha dato un maggiore senso di accettazione del mio corpo… Posso fare delle cose, posso fare cose difficili!”, ha riferito a ESPN.

View this post on Instagram

A post shared by Jacky Hunt-Broersma (@ncrunnerjacky)

Il suo hobby della corsa si è esteso nel corso degli anni fino all’“ultra running”, coprendo distanze superiori a quelle di una maratona tradizionale. Per quest’anno, ha progettato di percorrere una corsa di 385 chilometri nello Utah.

Prima, però, ha deciso di battere il Guinness dei Primati precedente per la corsa della maratona in giorni successivi. Così, per divertimento.

Beh, non solo per questo. Jacky è comprensibilmente appassionata del sostegno ai corridori amputati. Per correre serve una protesi speciale, il cui costo può essere proibitivo.

Come parte della sua sfida, Jacky ha raccolto fondi perAmputee Blade Runners.

“Qui negli Stati Uniti, le protesi da corsa sono davvero care, e l’assicurazione sanitaria non ne copre il costo, sono viste come un lusso. E allora ho pensato che sarebbe stato un ottimo modo per raccogliere denaro per una causa benefica e per restituire quello che ho ricevuto”, ha detto a ESPN.

Ogni giorno della sua sfida, Jacky condivideva un’immagine sul suo account Instagram, annotando il numero di maratone che aveva percorso fino a quel momento.

L’atleta si è ovviamente guadagnata molti fans, con più di 52.000 followers che lodavano il suo percorso.

Non stupisce che la storia di Jacky abbia attirato l’attenzione a livello internazionale. La perseveranza, il coraggio e la determinazione che ha dimostrato sono una fonte di ispirazione per chiunque stia cercando di fare “cose difficili” come lei.

Jacky, buona fortuna per la corsa che vuoi affrontare! Tiferemo per te!

Tags:
disabilitàsport
Top 10
See More