Aleteia logoAleteia logoAleteia
domenica 21 Aprile |
Aleteia logo
News
separateurCreated with Sketch.

RASSEGNA STAMPA / Francesco tra i Papi più anziani della storia

Questo articolo è riservato ai membri di Aleteia Plus
Pope-Francis-Audience-November-30-2022

Antoine Mekary | ALETEIA

i.Media per Aleteia - pubblicato il 19/12/22

Ogni giorno, Aleteia offre una selezione di articoli scritti dalla stampa internazionale sulla Chiesa e le questioni principali che preoccupano i cattolici nel mondo. Le opinioni e i punti di vista espressi in questi articoli non sono quelli degli editori.

Lunedì, 19 dicembre 2022

1. Francesco tra i Papi più anziani della storia

2. Il dilemma cinese della Santa Sede

3. Papa Francesco: quale Dottrina della Fede?

4. Sacerdote statunitense sospeso per blasfemia 

5. I cacciatori di “falsi miracoli” nella diocesi di Torino

1Francesco tra i Papi più anziani della storia

Papa Francesco ha festeggiato sabato il suo 86º compleanno, cosa che fa di lui il primo Pontefice a raggiungere questo traguardo dopo Leone XIII nel 1896. Dei 123 Papi registrati negli ultimi 1.000 anni, solo sei sono rimasti in carica dopo il loro 86º compleanno. Prima di quella data la documentazione disponibile è irregolare, ma l’unico Papa del primo millennio reputato più anziano di Francesco è stato Papa Agatone, che aveva apparentemente 104 anni al momento della sua morte, nel 681. Si tratta, ad ogni modo, di una statistica fortemente dubbia. “La logica convenzionale suggerirebbe, quindi, che il compleanno di Francesco debba essere un momento per speculare sulla fine del suo papato”, indica il vaticanista statunitense John Allen, che sottolinea come le voci sulla fine del suo pontificato della scorsa estate siano diminuite. Il Pontefice argentino sembra aver ritrovato la forma e ha proposto un’agenda ambiziosa per il 2023, che prevede il rimpasto della Caritas, il viaggio in Africa previsto per gennaio-febbraio e, soprattutto, fino all’autunno del 2024, il proseguimento del processo sinodale, che il Papa ritiene una “pietra angolare della sua eredità, e sembra determinato a portarla fino alla fine”. Oltre alla GMG di Lisbona e a un possibile viaggio in Libano, l’anno prossimo sarà sicuramente segnato anche dalla guerra in Ucraina. Allen spiega che gli sforzi del Papa per “tenere aperte le linee di comunicazione con Mosca” mostrano che “sembra determinato a tener viva questa possibilità, rendendo improbabile che pensi alle dimissioni finché il conflitto è ancora in atto”. Il vaticanista menziona anche la continua implementazione del progetto di riforma del Vaticano da parte del Papa e il “processo del secolo” per corruzione finanziaria, due questioni che “Francesco vorrebbe probabilmente portare a termine”. Vederlo raggiungere la longevità di Leone XIII (93 anni), o anche quella di Agatone, l’unico Papa centenario, sembra improbabile, ma “improbabile non significa impossibile – e se ancora non avete capito che con Papa Francesco tutto è possibile, non avete fatto abbastanza attenzione”, sottolinea Allen.

Crux, inglese.

2Il dilemma cinese della Santa Sede

Il sito web spagnolo La Vanguardia ripercorre la storia lunga e tumultuosa del cattolicesimo in Cina dall’epoca di Matteo Ricci (1552-1610), appena dichiarato venerabile, per mostrare il “dilemma cinese” che la Santa Sede affronta oggi. Con una popolazione cattolica stimata “tra i 6 e i 12 milioni”, a lungo divisa tra i cattolici fedeli a Roma – la “Chiesa sotterranea” – e i cattolici fedeli al partito – affiliati all’Associazione Cattolica Patriottica –, la Cina riceve costantemente attenzione da parte della Santa Sede. La firma di un accordo sulla nomina dei vescovi nel 2018 ha rimescolato le carte: ora Pechino e Roma dovrebbero lavorare insieme per nominare vescovi in Cina. Ci sono tuttavia problemi significativi con questa nuova formula, soprattutto considerando che questo autunno il Governo di Xi Jinping è sembrato infrangere questo accordo. Il vescovo John Peng Weizhao, nominato segretamente dal Papa nel 2014, è stato nominato dal Governo vescovo ausiliare di una diocesi inesistente e sotto il controllo di un vescovo più vicino al regime. La Santa Sede ha protestato, per la prima volta dal 2018, per ora invano. Tra l’obiettivo di mantenere i legami con la Chiesa cattolica nel Paese e la difficoltà di dialogo con un Governo comunista che non rispetta appieno gli accordi che firma, la Santa Sede affronta una vero dilemma in Cina.

La Vanguardia, spagnolo.

3Papa Francesco: quale Dottrina della Fede?

Sul suo blog, il vaticanista Andrea Gagliarducci commenta le voci sorprendenti di una possibile nomina del vescovo tedesco Heiner Wilmer, della diocesi di Hildesheim, alla guida del Dicastero per la Dottrina della Fede.

Monday Vatican, inglese.

4Sacerdote statunitense sospeso per blasfemia 

Il Vaticano ha sospeso un sacerdote antiabortista statunitense, Frank Pavone, per quelle che ha definito “comunicazioni blasfeme sui social media” e “disobbedienza persistente” nei confronti del suo vescovo, che gli ha ripetutamente chiesto di fermare il suo attivismo a favore di Donald Trump.

AP, inglese.

5I cacciatori di “falsi miracoli” nella diocesi di Torino

Un’organizzazione scientifica della diocesi di Torino, nota per il suo lavoro sulla Sacra Sindone, lavora per individuare errori o frodi dietro certi miracoli. 

La Stampa, italiano.

vous devez
Vous n'avez
En créant

Tags:
rassegna stampa internazionale
Top 10
See More