Aleteia logoAleteia logoAleteia
venerdì 23 Febbraio |
Aleteia logo
Spiritualità
separateurCreated with Sketch.

Preghi per le persone a cui vuoi bene o credi sia inutile?

Portrait head shot of beautiful pensive Caucasian middle age woman with long light bob hair Casual style real person in red tshirt Closeup face of happy calm woman in park outside nature

Anna Kraynova | Shutterstock

don Luigi Maria Epicoco - pubblicato il 10/01/23

"La suocera di Simone era a letto con la febbre e subito gli parlarono di lei". Gesù nel Vangelo di oggi guarisce questa donna: è il grande potere dell’intercessione. Non dobbiamo mai pensare che pregare per le persone a cui vogliamo bene sia inutile.

Vangelo di mercoledì 11 gennaio

E, usciti dalla sinagoga, si recarono subito in casa di Simone e di Andrea, in compagnia di Giacomo e di Giovanni. La suocera di Simone era a letto con la febbre e subito gli parlarono di lei. Egli, accostatosi, la sollevò prendendola per mano; la febbre la lasciò ed essa si mise a servirli.
Venuta la sera, dopo il tramonto del sole, gli portavano tutti i malati e gli indemoniati. Tutta la città era riunita davanti alla porta. Guarì molti che erano afflitti da varie malattie e scacciò molti demòni; ma non permetteva ai demòni di parlare, perché lo conoscevano.
Al mattino si alzò quando ancora era buio e, uscito di casa, si ritirò in un luogo deserto e là pregava. Ma Simone e quelli che erano con lui si misero sulle sue tracce e, trovatolo, gli dissero: «Tutti ti cercano!». Egli disse loro: «Andiamocene altrove per i villaggi vicini, perché io predichi anche là; per questo infatti sono venuto!». E andò per tutta la Galilea, predicando nelle loro sinagoghe e scacciando i demòni. (Marco 1,29-39)

Gesù che agisce nel tempio è abbastanza comprensibile. Gesù che agisce in casa è invece davvero una buona novella. Infatti nel passo del Vangelo di oggi Gesù va a casa di Simone e lì in quella casa incontra la sofferenza di una donna:

La suocera di Simone era a letto con la febbre e subito gli parlarono di lei.

Quanta sofferenza c’è a volte nascosta nelle nostre case. Sofferenza che magari non traspare all’esterno, che non viene messa in piazza, che non conosce nessuno. Gesù si fa vicino proprio a questo tipo di sofferenza.

Egli lascia che si possa raccontare a lui il dolore specifico di qualcuno che ci sta a cuore. I familiari della casa di Simone si affrettano a parlargli di lei. È il grande potere dell’intercessione.

Non dobbiamo mai pensare che pregare per le persone a cui vogliamo bene sia inutile. Gesù ascolta sempre ciò che nasce dal cuore, e certe volte non possiamo far altro che aiutare chi ci è più vicino pregando per loro, specie quando umanamente non riusciamo o possiamo fare di più.

La reazione di Gesù è straordinariamente bella:

Egli, accostatosi, la sollevò prendendola per mano; la febbre la lasciò ed essa si mise a servirli.

Gesù si accosta al dolore di questa donna, la prende per mano, la libera, la mette nella condizione di poter fare lei qualcosa a sua volta.

Questo può ottenere una preghiera fatta con fede. Ma bisogna stare attenti a non trasformare Gesù in un fenomeno da baraccone. Il cristianesimo non è mai la fiera del sensazionalismo, ma ogni miracolo ha sempre lo scopo di avvicinarci al cuore del Vangelo.

I miracoli fini a se stessi producono cristiani che smettono di esserlo appena smette il sensazionalismo. Ciò che invece opera Gesù non è mai passeggero, è profondo, e rimane. 

Tags:
dalvangelodioggidon luigi maria epicocoguarigionevangelo
Top 10
See More