Aleteia logoAleteia logoAleteia
sabato 24 Febbraio |
Aleteia logo
Spiritualità
separateurCreated with Sketch.

Come compiere ogni giorno la volontà di Dio?

DEEP IN THOUGHT

Shutterstock

Edifa - pubblicato il 25/01/23

La volontà di Dio è l'amore, ma concretizziamo...

Senza Dio non possiamo fare nulla. Ovviamente, quando diciamo che siamo in grado di realizzare qualcosa, implichiamo sempre “con la grazia di Dio”.

Se Dio smettesse di sostenerci non potremmo fare niente. Se smettesse di amarci per un istante non esisteremmo più. Dio sceglie di aver bisogno di noi.

Dio non ha bisogno di noi nel senso stretto del termine – esiste senza di noi e basta a Se stesso –, ma creandoci, associandoci alla Sua opera creativa e ancor di più alla Sua opera di redenzione, opta per “aver bisogno di noi”.

In qualche modo, la Sua volontà non si può compiere senza di noi. Non può salvarci malgrado noi, non può obbligarci ad accettare il Suo amore o ad amarlo.

Ci rende figli, non schiavi, e l’amore di un figlio implica una decisione libera. Perché la Sua volontà si compia “come in cielo, così in terra”, Dio conta su di noi.

Qual è la volontà di Dio?

Non spetta a noi sapere tutto dei Suoi progetti: basta che siamo istruiti sulla parte che dipende da noi e per il resto confidiamo in Lui. Ma qual è questa parte? Gesù ha risposto chiaramente:

“Ama il Signore Dio tuo con tutto il tuo cuore, con tutta la tua anima e con tutta la tua mente”

Matteo 22, 37

Alla vigilia della Sua morte ha insistito dicendo:



“Io vi do un nuovo comandamento: che vi amiate gli uni gli altri. Come io vi ho amati, anche voi amatevi gli uni gli altri”.

Gv 13, 34

È questo che Dio vuole.

La volontà di Dio è l’amore: che amiamo Lui e i nostri fratelli.

Amare, però, non è provare sentimenti, ma “dare la vita per coloro che si ama”: donarsi ogni momento, anche nei dettagli della vita quotidiana.

Ogni minuto mi viene offerto come un’opportunità per amare Dio e i miei fratelli, e per lasciarmi amare da loro.

La volontà di Dio è che io faccia tutto per amore, con tutto il mio cuore, con attenzione totale a quello che mi è stato dato per vivere “qui e ora”.

Cos’ha fatto Gesù sulla Terra se non compiere la volontà di Suo Padre?

Non l’ha compiuta solo il Venerdì Santo, ma in ogni momento della Sua vita come uomo.

Quando giocava con i bambini di Nazaret, quando mangiava o lavorava con Giuseppe, quando aiutava Maria a portare la brocca dell’acqua quando tornava dalla fonte o quando preparava il pesce alla griglia per i suoi amici, in tutte queste piccole cose molto “incarnate”, Gesù ha compiuto la volontà di Suo Padre.

In Lui, per Lui, la volontà del Padre si incarna nella nostra vita quotidiana.

In termini concreti, come possiamo discernere la volontà di Dio?

Il Signore ci dà molti indicatori. Tra questi, la Parola di Dio e l’insegnamento della Chiesa, il consigli dei nostri fratelli e soprattutto di coloro che hanno autorità su di noi, gli eventi e la necessità.

Spesso, nella vita quotidiana, la volontà di Dio è chiara: se sono in ufficio o in classe, la volontà di Dio è che lavori come meglio posso, se sono in macchina, che guidi con precauzione e magnanimità, ecc..

A volte è più difficile: dobbiamo pregare e chiedere consiglio per trovare il nostro cammino.

In ogni caso, siamo sicuri che più ci sforziamo di compiere la volontà di Dio anche nei minimi dettagli della vita quotidiana, più questo ci permette di discernere ciò che Egli vuole da noi.

Varie volte all’anno celebriamo la Vergine Maria. La sua vita è stata piena di gesti apparentemente di poco conto, compiti quotidiani che si ripetevano instancabilmente. In tutte queste piccole cose, in ogni momento, “qui e ora”, ha detto però senza riserve “Sì” alla volontà di Dio.

Tags:
diovolontà di dio
Top 10
See More